Trapianto di pene: l’intervento salvavita

Autore: Prof. Salvatore Sansalone
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Il Prof. Salvatore Sansalone, esperto in Urologia a Roma, ci parla del trapianto di pene, un intervento innovativo in grado di restituire la speranza a tutti quei pazienti che per motivi oncologici e congeniti hanno dovuto subire l’amputazione dell’organo

Quando è necessaria la ricostruzione chirurgica del pene?

La ricostruzione chirurgica dei genitali maschili è necessaria in tutti i casi di amputazione del pene dovuta a:

  • Malformazioni congenite
  • Patologie oncologiche
  • Traumatismi
  • Incidenti stradali

Sono già stati eseguiti dei trapianti di pene nella storia della medicina?

Sì, vi sono tre casi di interventi di ricostruzione genitale nel mondo:

  • Il primo è stato eseguito in Cina nel 2006, purtroppo senza buoni risultati
  • Il secondo è avvenuto in Sudafrica nel 2015, il paziente era un ragazzo di 21 anni che era stato colpito da un’infezione a seguito della circoncisione
  • Il terzo, infine, è stato effettuato a Boston nel 2016 da un équipe medica del Massachusetts General Hospital, in un paziente a cui era stato amputato il pene a seguito di una neoplasia

Quali sono i rischi dell’intervento?

Il rischio principale è il rigetto dell’organo, come può avvenire per qualsiasi trapianto. Inoltre, vi è la possibilità di un danno vascolare che comporta la morte dell’organo, il quale dovrà obbligatoriamente essere espiantato.

È necessaria una preparazione psicologica particolare?

Il paziente, prima di sottoporsi all’operazione ed in seguito all’intervento dovrà eseguire un counseling psico-sessuologico: queste fasi sono entrambe fondamentali per aiutare il paziente ad accettare l’intervento ed i suoi risultati (soprattutto in caso di eventuale rigetto).

Perché questo intervento viene definito “salvavita”?

I pazienti che hanno subito un’amputazione degli organi genitali sono costretti ad affrontare un risvolto psicologico devastante: perdono la loro identità sociale, la loro virilità viene messa in discussone (soprattutto da loro stessi). Per questo motivo è importante restituirgli la loro vita normale impiantando il pene di un donatore, come avviene per qualsiasi altro trapianto. Grazie ai nuovi progressi nell’ambito della chirurgia ricostruttiva dell’apparato genitale maschile, è possibile risolvere non solo i problemi causati da un’amputazione di pene, ma anche altre problematiche come la micropenia, che tutt’oggi rappresentano un motivo di imbarazzo negli uomini.

Prof. Salvatore Sansalone
Urologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies