Tutto quello che c’è da sapere sulla Dieta Mediterranea

Autore: Dott. Alessandro Saibene
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

La dieta mediterranea si basa su un’alimentazione e uno stile di vita sano: il Dott. Alessandro Saibene, esperto in Dietologia a Milano, ce la descrive nel dettaglio

Perché si parla di dieta “mediterranea”? 

Il termine dieta mediterranea, coniato dal famoso ricercatore americano Ancel Keys, fa riferimento alle abitudini alimentari rilevate nelle popolazioni che si affacciano sul bacino del Mediterraneo. Il ricercatore manifestava un grande interesse verso questo argomento, in quanto è statisticamente noto che in tali popolazioni si riscontra un tasso minore di malattie cardiovascolari, diabete e tumori rispetto al resto delle cosiddette civiltà occidentali. Numerose ricerche nel tempo hanno confermato ed ampliato queste osservazioni, al punto che nel 2010 l’UNESCO ha dichiarato la dieta mediterranea Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

Quali sono le regole principali della dieta mediterranea? 

Mi piace sottolineare come le cosiddette “regole” non si limitino esclusivamente alle abitudini alimentari, ma includano anche lo stile di vita. Prima di tutto infatti è indispensabile uno stile di vita attivo; altro punto fondamentale è riservare ai pasti il tempo necessario, mangiando con calma, masticando bene e favorendo la convivialità quando possibile. Dal punto di vista prettamente alimentare, si può dire che la dieta mediterranea prevede un minor consumo di carne in favore del pesce e un minor consumo di cereali raffinati sostituiti soprattutto da cereali integrali, incrementando così il consumo di legumi, frutta e verdura, preferendo quelle di stagione.

In cosa consiste la dieta mediterranea? 

Come spiegato prima, è verosimile che l’effetto benefico della Dieta Mediterranea sia legato all’insieme di tutte le regole alimentari e dello stile di vita, più che ad un singolo componente. Tuttavia, entrando più nel dettaglio dei singoli gruppi di alimenti, si può affermare che:

  • I carboidrati costituiscono la principale fonte energetica e dovrebbero essere costituiti per la maggior parte da carboidrati di tipo integrale. La fibra in essi contenuta rallenta l’assorbimento del glucosio, riducendo il picco di insulina post-prandiale e favorendo la funzione intestinale.
  • L’utilizzo dell’olio, specialmente quello extravergine, a scapito dei grassi di tipo animale, apporta all’organismo un buon contenuto di acidi grassi insaturi, che vantano una spiccata azione antiossidante, con benefici indubbi per quanto concerne le malattie cardiovascolari e la prevenzione dell’insorgenza di alcuni tumori. È tuttavia doveroso segnalare come ultimamente ci siano diverse studi che parzialmente “riabilitano” i grassi animali: del resto, la dieta mediterranea ne prevede una riduzione nel consumo, non la loro abolizione.
  • I legumi sono un’ottima fonte di proteine ed anche di fibra alimentare, il loro consumo deve pertanto essere incentivato anche come alternativa al consumo di carne.
  • Gli ortaggi sono per molti motivi un elemento indispensabile, innanzitutto per il loro apporto di vitamine e sali minerali e poi perché ricchi di fibre ed acqua. Il loro consumo è quindi indispensabile dato che favorisce la funzione intestinale e renale e apporta una buona quantità di vitamine e minerali, indispensabili per il corretto funzionamento del nostro metabolismo. È buona norma che il consumo degli ortaggi segua alcune semplici regole, come quella di utilizzare prodotti locali, che garantiscono una maggiore freschezza e quello di variare i “colori” degli ortaggi, in quanto la loro combinazione apporta il giusto mix di sostanze nutritive.
  • La frutta vanta un alto contenuto di carboidrati semplici: per questo motivo andrebbe mangiata, quando possibile, con la buccia, che apporta una buona quantità di fibre. Numerose sono le sostanze nutritive in essa contenuta, troppo lungo per elencarle tutte in questa sede: credo tuttavia che sia importante sapere che va consumata quotidianamente, ed anche in questo caso è bene alternarne la qualità.

 

 

Dott. Alessandro Saibene
Dietologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies