VATS: il mininvasivo nella Chirurgia Toracica!

Autore: Dott. Stefano Claudio Meda
Pubblicato: | Aggiornato: 17/01/2022
Editor: Cecilia Ghidotti

Nonostante il suo nome inglese, la chirurgia VATS è una invenzione tutta italiana. La VATS, infatti, nasce a fine degli anni ’90 in Italia, ma questa tecnica rivoluzionaria veniva utilizzata nella chirurgia toracica statunitense: solo negli ultimi anni siamo ritornati ad adottare la nostra invenzione!

Che cos’è la tecnica di chirurgia mininvasiva VATS?

VATS è l’acronimo inglese di:

  • Video;
  • Assisted;
  • Thoracic;
  • Surgery.

In italiano lo traduciamo come chirurgia toracica video-assistita. Si tratta di una tecnica chirurgica mininvasiva con metodica mista, ovvero che utilizzi simultaneamente i principi e le tecniche di toracoscopia chirurgica e quelli di chirurgia convenzionale toracotomica.

In quali casi viene utilizzata?

In questa tecnica si associa una toracotomia denominata “di servizio” a una apparecchiatura video e si utilizzano strumenti chirurgici miniaturizzati.

L’accesso toracotomico potrà essere modulato, in taglia e sede, permettendo l’esecuzione di buona parte degli interventi di chirurgia toracica.

Le indicazioni più comuni sono:

  • Le resezioni exeretiche polmonari per neoplasia primitiva e metastatica (minori atipiche, maggiori anatomiche);
  • Le resezioni exeretiche polmonari per distrofia bollosa, malformazioni vascolari o patologia infettiva;
  • Tipizzazione di interstiziopatie;
  • Patologia infettiva pleurica;
  • Patologia neoplastica e funzionale esofagea;
  • Patologia diaframmatica;
  • Patologia chirurgica del mediastino anteriore (timomi, miastenia gravis, adenopatie);
  • Patologia del mediastino posteriore (tumori neurogeni, cisti enterogene);
  • Cisti broncogene/pericardiche;
  • Impianto di catetere epicardico;
  • Fenestrazione pericardica per tamponamento.

Quali sono vantaggi e svantaggi di questa tecnica innovativa?

I vantaggi di tale metodica sono da attribuirsi alla natura mininvasiva della stessa. Essendo necessarie solo piccole incisioni della parete toracica senza alcuna divaricazione delle coste, è minore il trauma tissutale con conseguente miglior controllo del dolore postoperatorio.

Vi è una indubbia riduzione delle complicanze dovuta anche alla riduzione delle perdite ematiche intraoperatorie. Tutto ciò comporta una riduzione dei tempi di ospedalizzazione con un conseguente precoce ritorno alla vita ordinaria e miglioramento della qualità di vita. Non ultimo vi è una miglior ripresa funzionale del movimento e un minore danno estetico.

La VATS ha dei limiti di applicazione nei casi di stadiazione oncologica avanzata; a oggi si tende a dare indicazione solo nei primi stadi di malattia. Tale tecnica è più complessa nel caso di presenza di tenaci aderenze tra polmone e parete o in caso di neoformazioni polmonari di dimensioni elevate. Tali limitazioni sono spesso condizionate dalla curva di apprendimento del chirurgo.

La VATS è pertanto una metodica chirurgica innovativa e vantaggiosa ma deve seguire comunque i principi generali delle tecniche diagnostiche e terapeutiche già stabiliti dalle tecniche chirurgiche convenzionali; deve pertanto garantire la stessa tipologia di intervento realizzato per via tradizionale, salvaguardare sempre i criteri di sicurezza del malato e non peggiorare la prognosi.

Come si dovrà preparare il paziente all’intervento?

L’intervento è sempre condotto in anestesia generale e presuppone un ricovero ospedaliero che può variare dai 2 ai 7 giorni.

Il paziente, prima dell’intervento, dovrà sottoporsi ad alcuni esami clinico strumentali necessari a verificare l’idoneità all’intervento; se necessario sarà assistito in un percorso fisioterapico personalizzato. Il paziente viene generalmente ricoverato il giorno prima dell’intervento e preparato adeguatamente. Fortemente raccomandata è l’assoluta astensione dal fumo di sigaretta.

Come avverrà il recupero post-operatorio?

Dopo un intervento in VATS è precoce la dimissione al domicilio con pressoché immediata ripresa delle normali attività quotidiane. Il paziente, fin dalle prime ore dopo l’intervento, viene incentivato al movimento e alla ripresa della propria completa autonomia. Verrà, inoltre, seguito nel percorso terapeutico con ripetuti controlli clinici e strumentali al fine di accompagnarlo verso una completa guarigione.

In caso di patologia neoplastica, attraverso valutazione multidisciplinare, verrà valutato il miglior iter terapeutico possibile.

Dott. Stefano Claudio Meda
Chirurgia toracica

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle la pubblicità relativa alle sue preferenze, nonché analizzare le sue abitudini di navigazione. L'utente ha la possibilità di configurare le proprie preferenze QUI.