Impedenziometria

 

Indice:

  1. Che cos’è l’impedenziometria?
  2. In cosa consiste?
  3. Perché si esegue?
  4. Preparazione per l’impedenziometria
  5. Cosa si prova durante l’esame?
  6. Significato di risultati anomali
  7. Nuove tecniche

Che cos’è l’impedenziometria?

È una metodica diagnostica tra le più attendibili e all'avanguardia che permette di valutare la composizione corporea determinando la quantità di massa grassa e di massa magra del corpo, nonché la presenza eventuale di ritenzione idrica.

Ragazza che misura la vita

In cosa consiste?

L'esame dura circa 20 minuti e viene effettuato in maniera totalmente non invasiva. Il paziente viene posto in posizione supina su un lettino e lo specialista applica 4 elettrodi sul polso e sulla caviglia collegati mediante cavetto all’impedenziometro, come in un elettrocardiogramma.

Perché si esegue?

Questo esame non è obbligatorio al fine di effettuare una terapia alimentare ad hoc, ma permette di monitorare i risultati del programma dietetico correggendo i chili in eccesso, basandosi su una misurazione più precisa rispetto al solo peso ed altezza della persona. Infatti, vi sono persone che pur avendo un peso nella norma in base all'altezza, al sesso e all'età, hanno degli accumuli di grasso particolari ad esempio nella zona dell'addome. Questi accumuli di grasso possono portare a problemi di salute, favorendo la comparsa del diabete mellito oppure di malattie cardiovascolari.

Preparazione per l’impedenziometria

La preparazione all’esame prevede che il soggetto sia digiuno da almeno 4 ore, e non deve aver assunto alcolici e grosse quantità di acqua nelle 2 ore precedenti.

Cosa si prova durante l’esame?

Come riportato sopra, l'esame non è invasivo e quindi non si avverte nessun fastidio e tanto meno dolore.

Significato di risultati anomali

I risultati ci permettono di accertare quant'è e dov'è distribuito il grasso corporeo del paziente. Questo permette di controllare nel tempo i risultati della terapia dietetica prescritta così da modificarla per raggiungere l'obiettivo di una corretta perdita di peso.

Nuove tecniche

Ancora più preciso per valutare la distribuzione del tessuto adiposo è l'esame definito DEXA, che è tecnicamente più complesso e viene fatto in ambiente ospedaliero, comportando l'assorbimento di una certa dose (bassa) di raggi X.

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle la pubblicità relativa alle sue preferenze, nonché analizzare le sue abitudini di navigazione. L'utente ha la possibilità di configurare le proprie preferenze QUI.