Menisco

Specializzazione di Ortopedia e Traumatologia

Cosa sono i menischi?

I menischi sono due strutture di fibrocartilagine ubicate all’interno del ginocchio. Essi migliorano la funzione articolare, essendo dei cuscinetti che ammortizzano il peso del corpo e le pressioni. In questo modo, i menischi conferiscono una maggiore stabilità alle articolazioni e giocano un ruolo chiave nel buon funzionamento articolare. Le ginocchia sono le articolazioni più vulnerabili, che possono essere affette da gravi lesioni, poiché sopportano grandi pressioni e si fanno carico di qualsiasi sforzo eccessivo, ammortizzando e dissipando le diverse forze. In questo processo, i menischi svolgono un ruolo fondamentale. Nell’essere umano, oltre che nel ginocchio, i menischi si trovano anche nell’articolazione temporo- mandibolare, nell’articolazione acromioclavicolare, nel polso e nelle costole nel punto di giuntura con le articolazioni trasversali vertebrali. I menischi completi si trovano nell’articolazione sterno-clavicolare e nel polso. I dischi parziali si trovano nel ginocchio e nell’articolazione acromioclavicolare. I dischi possono essere parziali o completi nell’articolazione temporo- mandibolare.

Funzione dei menischi

I menischi possono svolgere diverse funzioni:

  • Assorbire le onde d’urto prodotte quando si cammina. I menischi sono in grado di assorbire quasi il 20% di queste onde.
  • Trasmissione delle forze. Le fibre che compongono i menischi permettono di trasmettere le forze di compressione fino a un 50%, quando il ginocchio è steso e fino a un 90% delle forze di compressione, quando il ginocchio è flesso.
  • Stabilità articolare. Se il ginocchio cede può essere a causa del lassismo o della rottura del legamento crociato anteriore. Nella stabilità del ginocchio influiscono i menischi, i quadricipiti e i muscoli posteriori della coscia.
  • Sensibilità propriocettiva. I menischi aiutano la percezione della sensibilità propriocettiva.
  • Slittamento articolare. I menischi contribuiscono alla lubrificazione dell’articolazione per l’alto contenuto di acqua e per la loro forma.

Patologie che possono colpire i menischi

Alcuni movimenti del ginocchio possono provocare lesioni ai menischi, quando questi non seguono gli spostamenti dei condili sopra la cavità glenoidea. Ciò accade quando, per esempio, si verifica un movimento brusco dell’estensione del ginocchio, cosa molto comune nei calciatori. In tal caso, il menisco non hai il tempo di muoversi in avanti, rimanendo incastrato tra il condilo e la cavità glenoide. Un altro tipo di lesione è rappresentato dal meccanismo di distorsione del ginocchio, che coinvolge la rotazione esterna e la lateralità esterna e che fa sì che il menisco si sposti al di sotto della convessità del condilo interno, provocando una fessura longitudinale nello stesso. Inoltre, anche la rottura del legamento interno può provocare la rottura del menisco. Le lacerazioni del menisco sono tra le lesioni più comuni. Sebbene siano gli sportivi ad esserne maggiormente soggetti, chiunque potrebbe essere affetto da una lacerazione. Le lacerazioni possono essere diverse, a seconda del loro aspetto e dell’area in cui si verificano. Le più comuni sono quelle longitudinali, a becco di pappagallo, quelle di tipo flap, a manico di secchio e quelle miste e complesse. Di solito, le lesioni sportive sono accompagnate da lesioni dei legamenti.

Trattamenti per le patologie dei menischi

Per questo tipo di lesioni, il trattamento principale è quello conservativo che, a volte, è sufficiente nei casi di rottura del menisco, poiché dà al ginocchio il tempo necessario per far cicatrizzare la lesione da sola. Questa procedura è denominata con la sigla inglese RICE: R (Riposo), I (Ghiaccio), C (Compressione) ed E (Elevazione). A ciò potranno essere aggiunti farmaci antinfiammatori per ridurre il dolore e l’infiammazione. Tuttavia, in altri casi, se i sintomi non dovessero cessare, sarà necessaria la chirurgia. In tal caso lo specialista in Traumatologia raccomanderà, nella maggior parte dei casi, un’artroscopia del ginocchio. Durante l’artroscopia viene inserita una mini telecamera attraverso una piccola incisione nel ginocchio, per poter osservare l’interno dell’articolazione. Lo specialista praticherà altre piccole incisioni (2 o 3), per poter accedere al ginocchio e riparare la lesione. In seguito all’intervento chirurgico, lo specialista immobilizzerà il ginocchio e, quando le ferite cicatrizzeranno leggermente, il paziente dovrà cominciare a fare degli esercizi di riabilitazione. In questo modo la mobilità verrà ristabilita, così come la robustezza dell’articolazione.

Specialista che si occupa delle patologie dei menischi

Lo specialista che si occupa delle patologie dei menischi è il Traumatologo. In pratica, si tratta di traumatologi specializzati nel ginocchio e nel trattamento di qualsiasi patologia che possa colpire quest’articolazione.

Video collegati a Menisco


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies