Micropigmentazione capillare

Che cos’è la micropigmentazione capillare?

La micropigmentazione capillare è una tecnica che si basa sull'iniezione di pigmenti sotto la pelle, generalmente nel cuoio capelluto, per dare un aspetto migliore in quelle zone in cui il paziente soffre di alopecia. Altre aree in cui viene utilizzata la micropigmentazione capillare sono nel torace, nelle sopracciglia o nelle labbra. È un trattamento con effetti non permanenti, poiché a seconda della qualità della pelle, la micropigmentazione può durare circa due o tre anni. È una procedura ambulatoriale che viene eseguita tra due e tre sessioni di una o due ore e non è indolore, poiché viene eseguita con anestesia locale. È una procedura usata sia negli uomini che nelle donne, sebbene sia più comune negli uomini.

Perché si esegue?

La micropigmentazione capillare nasce come alternativa al trapianto di capelli. In questo caso, la tecnica viene eseguita in pazienti con perdita di capelli irreversibile e bassa densità capillare, data l’impossibilità di eseguire un trapianto di capelli in questi pazienti.

A sua volta, la tecnica di micropigmentazione è presentata come alternativa più economica rispetto al trapianto di capelli.

In cosa consiste?

La micropigmentazione capillare consiste nell'iniezione di un pigmento che viene iniettato a una profondità che varia tra 0,25 e 1,75 millimetri di profondità e conferisce un tono della pelle simile a quello del colore dei capelli.

Il pigmento viene inserito nella zona senza peli da una serie di macchine e tecniche adattate al cuoio capelluto.

Preparazione per la micropigmentazione capillare

In genere, non è necessaria alcuna preparazione speciale prima di sottoporsi a questa procedura. In questo caso, il paziente deve essere pienamente informato del funzionamento del trattamento, della sua durata e del suo risultato finale.

Il paziente deve informare lo specialista se soffre di qualsiasi tipo di malattia contagiosa attraverso il sangue, poiché la micropigmentazione include l'uso di aghi che potrebbero generare qualche rischio per la salute dello specialista in caso di contatto con sangue.

Il paziente deve evitare il consumo di bevande alcoliche nei giorni precedenti, nonché di non assumere farmaci anticoagulanti, come l'aspirina.

Recupero postintervento

Una volta terminato il trattamento, è normale che il paziente subisca una leggera infiammazione nel cuoio capelluto, poiché la pelle è stata manipolata con aghi. A sua volta, è probabile che alcuni pori espellano una parte dell'inchiostro introdotto, sebbene in nessun caso influenzerà il risultato finale.

Durante i primi giorni, si crea una leggera crosta nel cuoio capelluto che darà una tonalità più scura del desiderato.

Circa tre settimane dopo il trattamento, si produce il collagene necessario per una completa guarigione del cuoio capelluto e, circa dieci o venti giorni dopo il trattamento, si ottiene la tonalità desiderata.

Trattamenti alternativi

La principale alternativa alla micropigmentazione è il trapianto di capelli. In questo caso, ci sono due tecniche di trapianto che vengono utilizzate in quei pazienti che desiderano recuperare l'aspetto estetico dei capelli: la tecnica FUE e la tecnica FUSS:

  • Tecnica FUE: consiste nell'estrazione individuale di follicoli dalla zona donatrice desiderata e successivamente impiantati nel cuoio capelluto, senza lasciare cicatrici;
  • Tecnica FUSS: i peli della zona donatrice vengono estirpati e, successivamente, impiantati nella zona della calvizie. I punti sono necessari per cicatrizzare, sebbene la cicatrice sia praticamente impercettibile.
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies