Stimolazione transcutanea (TENS)

Specializzazione di Neurochirurgia

Che cos’è la stimolazione transcutanea?

La stimolazione transcutanea (Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation, TENS) consiste principalmente nella stimolazione della pelle mediante l’applicazione di corrente elettrica fornita da un generatore esterno portatile. Lo stimolatore utilizza elettrodi cutanei per emettere impulsi ad alta frequenza e a bassa intensità, o viceversa, sulla superficie della pelle dove è presente il dolore o nei nervi. La TENS non presenta effetti avversi. Con questi impulsi è possibile “ingannare” il corpo quando viene trasmesso il dolore: il paziente nota una sensazione diversa dal dolore normalmente avvertito, in quanto quest’ultimo risulta più piacevole.

Perché si esegue?

La stimolazione transcutanea viene utilizzata per alleviare il dolore del paziente. Ciò si ottiene prevenendo l’attivazione delle cellule nervose responsabili della trasmissione del dolore applicando una delicata corrente elettrica che stimola le cellule del midollo che rilasciano una sostanza che si attacca ai nervi e che impediscono l’attivazione delle cellule responsabili della trasmissione del dolore. Il paziente sentirà una sensazione molto più piacevole del dolore avvertito normalmente. Tuttavia, se la corrente elettrica è troppo intensa è possibile limitare l’intensità dello stimolo creato. L’efficacia della TENS non è stata pienamente verificata.

In che cosa consiste?

L’applicazione della TENS è abbastanza semplice a priori: si applicano degli elettrodi sulla pelle, che possono essere posizionati in qualunque parte del corpo, e vengono rilasciate delle scariche. In caso di dolore causato da traumi l’applicazione della TENS può avvenire esattamente nell’area in cui è presente il dolore, generando una sorta di analgesia nel luogo indicato o intorno all’area interessata. In caso di lesioni nervose gli elettrodi devono essere posizionati esattamente nel punto della lesione e nel cervello, vicino all’area interessata, in modo da poter interrompere le onde verso il sistema nervoso. Si deve tener conto della frequenza dell’impulso, della sua durata, della sua frequenza e della frequenza con cui vengono applicate le scariche.

Preparazione per la stimolazione transcutanea

Non esiste una preparazione specifica per la procedura, che viene effettuata in regime ambulatoriale. La sua esecuzione è controindicata per le persone che soffrono di problemi o malattie cardiache o che portano un pacemaker. Inoltre, la tecnica non deve essere utilizzata nelle persone affette da epilessia o che si trovano in gestazione. D’altro lato, la TENS non deve essere utilizzata nelle aree in cui è presente emorragia o in aree vicine alla glottide, in quanto la stimolazione può causare spasmi nelle vie respiratorie superiori.

Recupero postintervento

Dopo l’applicazione della TENS non è necessaria alcuna cura particolare, in quanto la procedura produce semplicemente un effetto analgesico quando viene impiegata.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies