Il disturbo borderline della personalità

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

 

L’instabilità emozionale, l’impulsività e le difficoltà di relazione interpersonale sono solo alcune delle caratteristiche del disturbo borderline di personalità, da considerare maggiormente come una patologia psichiatrica che come un semplice disturbo della personalità: di seguito l’esperto in psicologia ci illustra nel dettaglio tale patologia

Il disturbo borderline della personalità comprende una serie di anomalie o disturbi legati al piano emotivo, affettivo, motivazionale e relazione da parte di un soggetto, il quale manifesta un malessere importante e persistente. Tali disturbi consistono principalmente in una marcata instabilità emozionale ed impulsiva. Il disturbo borderline colpisce l’1,8% della popolazione generale ed il numero delle donne affette è tre volte superiore a quello degli uomini.

 

Sintomi del disturbo borderline

Il paziente presenta una significativa instabilità affettiva dovuta a reazioni emotive difronte al rifiuto, alla critica o qualsiasi altro aspetto che può essere percepito come una ferita alla propria sfera personale. Nonostante ciò, questo sentimento dura poche ore. Sono frequenti gli scatti di ira e le difficoltà nel controllare i proprio impulsi, così come le minacce di suicido o automutilazione (per esempio, graffi cutanei autoinflitti). La sensazione di vuoto o di inutilità che si manifesta in età adolescenziale costituisce un altro sintomo legato a questo disturbo della personalità. I pazienti affetti sono maggiormente propensi al consumo di droghe, mentre tra le donne si registrano molti casi di disturbi alimentari.

 

Trattamento del disturbo borderline

La psicoterapia cognitivo-comportamentale, la programmazione neuro linguistica e la psicoterapia dinamica sono i trattamenti che hanno riscontrato i migliori successi clinici. In maniera analoga il gruppo degli inibitori della ricaptazione della serotoninia a dosi medie ed elevate, timoanalettici come topiramato, gabapentin, pregabalin, oxcabarzepina e neurolettici atipici come quetiapina, olanzapina, paliperidone e risperidone sono gli unici farmaci che hanno mostrato risultati convincenti nel controllo dei sintomi a breve termine, permettendo, così, uno sviluppo più semplice delle psicoterapie.


Articolo redatto in collaborazione con il Dr. Sergio Oliveros Calvo, specialistica in Psichiatria

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Psicologia


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies