Il trattamento più adeguato per curare le ernie del disco

Autore: Top Doctors®
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

L'ernia del disco impedisce di effettuare determinati movimenti della vita quotidiana, ma esistono trattamenti efficaci per curarla. Ce ne parla il nostro esperto in chirurgia generale

Cos'é l'ernia del disco?

Un’ernia è il risultato di una deiscenza (rottura) di un’incisione realizzata nella parete addominale (laparotomia) dopo la chirurgia addominale.

La rottura addominale fa in modo che la parete addominale si separi e lasci uscire del contenuto intraddominale: parti dell’intestino, grasso addominale, che non è protetto da un tessuto solido della parete, ma solo dalla sua sostanza grassa sottocutanea e della pelle.

Il paziente avverta la sensazione di un dolore intenso nell’addome che aumenta con gli sforzi, con dolori e ostruzioni intestinali nel caso di uscita dell’intestino tenue, insieme a una malformazione estetica nei casi di grandi ernie.

Influiscono fattori come la chiusura corretta della parete addominale dopo la chirurgia, e altri fattori del proprio paziente: tabagismo, obesità, trattamenti con cortisone, mancanza di un corretto riposo postoperatorio. 

Trattamenti operatori dell'ernia del disco

L’unica soluzione è l’intervento chirurgico per riparare la parete addominale. Dopo la corretta sutura della parete addominale è ampliamente accettata la collocazione di una molla per rinforzare la parete così da fare in modo che non si rompa.

La tendenza attuale proposta dai centri più prestigiosi e qualificate per i trattamenti della parete addominale è che non bisogna solo “tappare” il problema dell’ernia, ma anche effettuare un’autentica ricostruzione della parete addominale. Questo si effettua lasciando le strutture anatomiche (muscolari) nel loro collocamento originale, prima della comparsa dell’ernia. 

Questo succede quando l’ernia è molto grande e presuppone la liberazione di alcuni componenti della parete addominale prima della attuale ricostruzione, in modo da ristabilire l’anatomia affinchè la sutura risulti senza tensione.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Chirurgia generale


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies