Nodulo tiroideo: cosa fare?

Autore: Prof.ssa Anna Ciampolillo
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

La nostra esperta in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo a Bari, la Prof.ssa Anna Ciampolillo, ci spiega come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide

Che cosa s’intende per nodulo tiroideo?

ragazza di profilo che si tocca il colloI noduli tiroidei sono delle protuberanze che si formano all'interno della ghiandola tiroidea. Possono avere consistenza liquida, solida o mista. L’identificazione di uno di questi noduli è molto comune, soprattutto nelle donne e con l’avanzare dell’età. L’incidenza è circa 5 casi ogni 100.000 abitanti per gli uomini e circa 15-18 casi ogni 100.000 abitanti per le donne. Il riscontro di noduli tiroidei è molto aumentato negli ultimi anni, probabilmente a causa di un incremento dei controlli ecografici alla tiroide.

Da cosa può essere causato?

La causa principale è rappresentata dalla carenza nella assunzione dello iodio che in Italia non è grave, ma in alcune regioni è particolarmente accentuata. È importante sottolineare che circa il 5% dei noduli rappresenta una neoplasia maligna della tiroide.

La più efficace prevenzione dei noduli è la iodoprofilassi, che può essere attuata attraverso il consumo del sale iodato.

Quando bisogna rivolgersi ad uno specialista?

ragazza che si tocca il colloSpesso i noduli tiroidei sono asintomatici, altre volte sono chiaramente visibili ad occhio nudo e possono causare sintomi compressivi. I noduli possono essere diagnosticati solo attraverso la esecuzione di una ecografia tiroidea, che rimane l’esame di primo livello, ed a volte è sufficiente il monitoraggio mediante questo esame della volumetria tiroidea come unico atto terapeutico.

Gli esami di funzionalità tiroidei ci indicano se i noduli sono iperfunzionanti e in pochi casi può essere utile la esecuzione di una scintigrafia tiroidea.

L’agoaspirato tiroideo rappresenta invece un esame di secondo livello che viene consigliato secondo linee guida in continua evoluzione dallo specialista endocrinologo, che è la figura medica a cui rivolgersi in caso di sospetto di un nodulo tiroideo.

Cosa fare in caso di noduli tiroidei?

La terapia di un nodulo alla tiroide può essere rappresentata da un semplice monitoraggio ecografico, fino a giungere al trattamento chirurgico in caso di effetti compressivi oppure qualora la diagnosi citologica deponga per malignità.

La terapia radio metabolica, attraverso la somministrazione di iodio radioattivo, è indicata per i noduli iperfunzionanti.

Prof.ssa Anna Ciampolillo
Endocrinologia e Malattie Del Metabolismo

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies