Tutti i benefici dell’agopuntura

Autore: Dott.ssa Giuseppina Di Stefano
Pubblicato:
Editor: Jennifer Verta

L’agopuntura agisce su punti specifici per riallineare corpo e mente e coadiuvare le terapie della medicina occidentale. Ci spiega come la Dott.ssa Giuseppina di Stefano, esperta in Fisiatria ad Alessandria

Che cos’è l’agopuntura?

L’agopuntura è una disciplina millenaria della medicina tradizionale Cinese.

La stimolazione di determinati e precisi punti è la chiave di questa metodica, in cui lo specialista agisce localmente sull’organismo del paziente per correggere il suo equilibrio fisico ed emotivo. I punti di agopuntura hanno ciascuno un nome specifico e sono posizionati su un meridiano ed un canale. In totale sono 650.

L’agopuntura è una terapia complementare che ha effetti benefici sui meccanismi di omeostasi dell’organismo e per questa ragione le sue sessioni dovrebbero essere pianificate solo dopo un’attenta valutazione da parte del medico specialista. Questi non solo applicherà gli aghi nei punti noti, ma dovrà anche scegliere la giusta combinazione per ottenere i migliori benefici per ogni paziente. In quest’ottica è fondamentale la sinergia con la medicina tradizionale ed i suoi specialisti per ottenere la diagnosi più precisa possibile.

Quali sono i benefici che apporta l’agopuntura?

L’agopuntura garantisce importanti benefici in termini di ripresa della mobilità e riduzione del dolore da patologie muscolo-scheletriche, come in caso di contratture muscolari, specialmente se acute. I risultati sono rapidi e prolungati se le sessioni vengono eseguite regolarmente. L’agopuntura ha però effetti benefici anche sulla regolazione neuroendocrina, sulla sfera psico-emotiva, oltre ad avere un effetto anti-infiammatorio e rilassante sul tono muscolare.

Quali patologie possono essere trattate con agopuntura?

Le malattie che possono beneficiare dell’agopuntura sono molteplici ed includono:

  • Le patologie muscolo-scheletriche come la cervicale, la lombalgia, la lombosciatalgia, l’epicondilite, il tunnel carpale, la fibromialgia, l’artrite reumatoide, la coxoartrosi etc;
  • I disturbi neurologici: per esempio quelli derivati da ictus, la nevralgia del trigeminale, cefalea ed emicrania, l’insonnia e la depressione;
  • Patologie respiratorie quali: allergie, rinite allergica o asma;
  • Malattia gastroenteriche come: colon irritabile, nausea e vomito etc;
  • Problemi cardiovascolari: per esempio tachicardia o ipertensione;
  • Disturbi ginecologici: dolori mestruali, infertilità e come aiuto alle tecniche di riproduzione assistita.

Come viene impostato il trattamento?

Prima di sottoporsi alla seduta vera e propria, il medico agopuntore dovrà eseguire un’accurata diagnosi in cui valuterà tutte le variabili che possono influenzare il trattamento. In base alla gravità della patologia si pianificheranno 6 sedute, una volta o due a settimana. Dopo un mese circa dall’ultima sessione sarà importante eseguire un’altra sessione per mantenere i risultati ottenuti. Generalmente per aver i migliori risultati, il trattamento andrebbe ripetuto due volte ogni anno.

Dott.ssa Giuseppina Di Stefano
Fisiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies