Ablazione Cardiaca

Specializzazione di Cardiochirurgia

Che cosa è l'ablazione cardiaca?

L'ablazione cardiaca è un trattamento che viene eseguito in anestesia locale, e consiste nel creare cicatrici in piccole zone del cuore che possono essere coinvolte in problemi del ritmo cardiaco. Questa procedura serve a evitare che i segnali elettrici anomali si muovano attraverso il cuore.

Perché viene eseguita? 

L'intervento di ablazione cardiaca viene eseguito per trattare alcune disfunzioni nel ritmo cardiaco che non si possono controllare coi farmaci, come la fibrillazione atriale, la tachicardia atrioventricolare da rientro nodale (AVRNT) o la sindrome di Wolff-Parkinson-White che possono diventare pericolose se non vengono trattate.

In che consiste?

In primo luogo si ripulisce a fondo la pelle del braccio, dell'inguine o del collo, e si desensibilizza con un anestetico per praticarle una piccola incisione. In seguito, viene introdotto un catetere (piccola sonda flessibile) attraverso questo taglio per arrivare ad alcuni dei vasi sanguigni della zona ed quindi al cuore. Vengono utilizzati dei raggi X per guidare la sonda in modo accurato. Una volta che il catetere è posizionato, si collocano in diverse aree del cuore dei piccoli elettrodi connessi a un monitor, per scoprire la causa del problema. Dopo che viene rilevata la causa, si utilizza una delle vie del catetere per mandare impulsi di energia elettrica col fine di provocare delle piccole cicatrici, che serviranno a contenere il problema del ritmo cardiaco. La procedura può richiedere quattro o più ore. Durante il processo il cuore è sotto stretto monitoraggio e il dottore può chiedere al paziente se si hanno sintomi come capogiro, bruciore durante l'iniezione del farmaco o battito più veloce o più forte.

Preparazione per l'intervento

Nei giorni che precedono l'intervento, si dovrà informare il medico circa i farmaci che si sta assumendo e se si ha febbre, influenza, raffreddore, focolai di herpes o altre patologie. Per il giorno dell'ablazione occorrerà non mangiare o bere nulla a partire dalla mezzanotte della sera precedente e prendere i farmaci prescritti dal medico con un piccolo sorso d'acqua.

Cura dopo l'intervento

Dopo l'intervento di ablazione cardiaca è necessario rimanere a letto per almeno un'ora, ma il tempo potrebbe prolungarsi fino a cinque o sei ore. Le dimissioni del paziente possono avvenire lo stesso giorno o il giorno successivo, a seconda della situazione. In ogni caso è opportuno tornare a casa con un accompagnatore. Nei due o tre giorni successivi si possono presentare sintomi come dolore al petto, affaticamento o momenti in cui il battito è troppo veloce o irregolare. Questi possono essere alleviati con i farmaci prescritti dallo specialista curante.

Video collegati a Ablazione Cardiaca


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies