Capezzoli introflessi

Che cos’è l’introflessione dei capezzoli?

L’introflessione dei capezzoli è un’anomalia caratterizzata dalla rientranza nel seno dei capezzoli, che normalmente appaiono verso Senol’esterno, ovvero sporgenti e appuntiti. Si tratta di una condizione che può interessare sia la donna che l’uomo, entrambi i seni o solo una mammella. L’introflessione dei capezzoli può condizionare la fase di allattamento o essere considerato un fastidio di natura estetica.

Sintomi dei capezzoli introflessi

Il capezzolo introflesso potrebbe essere conseguenza di interventi chirurgici o di processi infiammatori oppure essere indice di una malformazione presente dalla nascita. Inoltre, può essere causato da eventi traumatici come:

  • Malattia di Paget del capezzolo
  • Mastite
  • Cancro al seno
  • Ectasia duttale (dilatazione del dotto galattoforo)
  • Sindrome di Turner

Quali sono le cause dei capezzoli introflessi?

L’introflessione è determinata dai dotti galattofori che appaiono retratti, hanno dimensioni più ridotte e tendono a spingere i capezzoli verso la ghiandola mammaria e non verso l’esterno.

Trattamenti per i capezzoli introflessi

L’intervento di mastoplastica correttiva rappresenta uno dei rimedi per riposizionare i capezzoli introflessi e spingerli verso l’esterno facendoli apparire normali.

L’intervento consiste nel fare un’incisione intorno al capezzolo e spingerlo verso l’esterno. Nei casi più gravi, questa anomalia richiederà la rimozione dei dotti mammari responsabili del passaggio del latte nel periodo dell’allattamento.

Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..