Colpo di frusta

Specializzazione di Fisioterapia

Che cos’è il colpo di frusta?

Il colpo di frusta è una lesione della zona cervicale della colonna vertebrale, che colpisce in particolare legamenti del collo, muscoli e vertebre. Si verifica a seguito di improvvisi e violenti movimenti del collo prima all’indietro e poi in avanti, modificando quindi il naturale movimento che il collo effettua normalmente. Nei casi più fortunati il dolore passa nel giro di qualche settimana, ma nei casi di ernie al disco la patologia può diventare anche cronica.

L’esempio classico di infortunio da colpo di frusta è il tamponamento automobilistico, ma la lesione può nascere anche da sport da contatto come la boxe o il karate o da aggressioni.

Quali sono i sintomi del colpo di frusta?

I sintomi del colpo di frusta iniziano a farsi sentire solitamente entro le 24 ore, una volta scaricata l’adrenalina prodotta dal corpo a seguito dell’incidente. I sintomi più frequenti sono:

  • Dolore, indolenzimento al collo e difficoltà di movimento
  • Emicrania con vertigini, nausea e talvolta anche visione appannata

Nei casi più gravi è possibile che si verifichino anche:

Si può prevenire?

Essendo causato da un evento improvviso, risulta difficile poter prevenire completamente il colpo di frusta. Tuttavia, è buona norma mantenersi attivi fisicamente con esercizi che tonificano i muscoli dei dorsali e del collo. Se i muscoli sono allenati sarà più facile ritornare ad una condizione ottimale. Inoltre, per prevenire il brusco movimento all’indietro durante un incidente automobilistico risulta utile regolare il poggiatesta in modo da accomodarsi comodamente.

Diagnosi per il colpo di frusta

Per diagnosticare il colpo di frusta si effettuano i test di:

  • Radiografia della zona cervicale individuare possibili fratture
  • Tomografia computerizzata o TAC per avere una maggiore precisione di osservazione
  • Risonanza magnetica che individua problematiche ai nervi o tessuti molli

Trattamenti per il colpo di frusta

Il colpo di frusta si cura con terapia a base di antidolorifici per bloccare il dolore e con miorilassanti per sciogliere la contrazione muscolare. Si associa inoltre l’uso di uno speciale collare cervicale che immobilizza il collo per i primi giorni. Dopo 2 settimane dalla guarigione è opportuno iniziare la riabilitazione con esercizi per rafforzare ed allungare i muscoli e per rieducare il collo ai movimenti che normalmente eseguiva.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies