Nevralgia del trigemino e rizolisi

Specializzazione di Ortopedia e Traumatologia

Che cosa è la rizolisi?

La rizolisi è una tecnica chirurgica non invasiva per combattere il dolore alla schiena attraverso diverse punture nella zona della colonna vertebrale, da trattarsi senza ricovero. Viene eseguita in sala operatoria, con il paziente sdraiato a faccia in giù nei casi di rizolisi dorsale e lombare o sulla schiena, nei casi di cervicale. La procedura è eseguita sotto anestesia locale e controllo a raggi X. In alcuni casi si può ricorrere alla sedazione, purché non ostacoli il corso della chirurgia.

Perché viene eseguita?

Questo trattamento è indicato nei casi di dolore prodotto durante un movimento e in quelli in cui non sono interessati i nervi che vanno dalla spina verso le estremità. È efficace solo nei pazienti con lesioni croniche alle articolazioni vertebrali o in quelli in cui sono interessati i nervi delle faccette. La tecnica dovrebbe sempre essere eseguita come ultima alternativa, dal momento si basa sulla distruzione dei nervi, che quindi non si rigenerano.

In che consiste?

La rizolisi comporta la distruzione, mediante impulsi di radiofrequenza, di alcune terminazioni nervose che trasmettono il dolore originato nelle articolazioni che collegano due vertebre. Gli impulsi a radiofrequenza vengono applicati attraverso un ago puntato al nervo specifico e sotto il controllo di raggi X. Una volta che l'ago è in posizione corretta vengono effettuati una serie di test per individuare il nervo che provoca dolore e assicurarsi che sia nella posizione ottimale. Durante il corso della tecnica il paziente avvertirà una sensazione di formicolio: lo specialista in ogni caso monitorerà costantemente le sue condizioni. Nel caso in cui l'ago sia nelle vicinanze delle radici principali dei nervi, la percezione sarà quella di tremore alle gambe. Una volta fatte tutte le prove, verrà eseguita la rizolisi, che dura circa un minuto.

Preparazione per la rizolisi

Nel periodo preoperatorio, il paziente deve compilare il relativo modulo di consenso. Inoltre, verrà eseguito un esame di coagulazione del sangue e, in seguito, verranno somministrate le cure usuali prima di ogni intervento: sterilizzazione del luogo e dell'area di intervento sul paziente e riesame dei farmaci somministrati per la rizolisi.

Cura dopo l'intervento

Essendo una procedura ambulatoriale, il paziente dovrebbe osservare un breve periodo di riposo, tra i 30 e i 60 minuti, e potrà tornare a casa nel giro di poche ore. Il medico raccomanderà del riposo per il resto della giornata e consigliera di non fare sforzi fisici nei due giorni successivi all'intervento. Si potrà notare qualche dolore o intorpidimento nella zona in cui è stato applicato il trattamento, ma sarà di breve durata. In sporadiche occasioni si verifica un'intensificazione del dolore che si verificava prima della procedura: in tal caso, possono essere utilizzati analgesici o impacchi di ghiaccio o calore per alleviare il disagio. Il risultato può richiedere tra due e tre settimane. Se il dolore ritorna, può essere rieseguito il test o si può ricorrere a un altro trattamento.

Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies