15 cose da sapere sull’impianto cocleare

Autore: Prof. Carlo Antonio Leone
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Portare un impianto cocleare significa riacquistare il senso dell’udito. Ecco 15 cose che chiunque porti un impianto dovrebbe sapere, spiegate dall’esperto in Otorinolaringoiatria a Napoli, il Prof. Carlo Antonio Leone

1) L’impianto cocleare riattiva la sensazione uditiva, sostituendo il neuroepitelio della coclea.

2) Se il soggetto ha perso l’udito, percepirà la propria voce diversa da come la ricordava. Per poter ottenere un udito socialmente utile, è necessario un percorso riabilitativo. Dopo qualche settimana il cervello inizierà ad abituarsi ai nuovi parametri acustici e anche la propria voce diventerà più naturale. Il soggetto riuscirà con il tempo a gestire la propria voce e adattarla al rumore ambientale.

3) I soggetti impiantati, con il tempo, riescono a riconoscere le voci degli interlocutori, distinguendo anche tra una voce femminile e una maschile.

4) L’impianto cocleare consente di poter riconoscere le frasi di una conversazione anche senza l’aiuto della lettura labiale.

5) Con l’impianto sarà possibile sentire e distinguere tutti, o quasi tutti, i rumori dell’ambiente esterno, come passi, voci, trilli e scampanellii, fischi, sirene, cinguettii, il rumore del vento, etc. I suoni, inizialmente, saranno molto simili tra loro, ma con l’abitudine e l’allenamento sarà possibile differenziarli e riconoscerli.

6) Bisogna cercare di evitare traumatismi sulla parte sottocute dell’impianto cocleare.

7) Attualmente anche con la parte esterna è possibile bagnarsi ed andare al mare.

8) Quando si passa attraverso porte magnetizzate, è necessario disattivare l’impianto.

9) Ci si può sottoporre a RM ed esami analoghi, anche se con le dovute precauzioni

10) Si può praticare sport, ma evitare quelli che comportano urti alla testa, come calcio e lotta. Oggi è possibile praticare anche il nuoto o l’atletica indossando l’impianto.

11) L’impianto può durare per tutta la vita, in quanto la parte interna non è soggetta ad usura. La parte esterna, invece, può essere sostituita con dispositivi di volta in volta più moderni e funzionali.

12) Con un adeguato allenamento e soprattutto con i supporti wi-fi attualmente disponibili, è più agevole anche la conversazione telefonica.

13) Grazie all’impianto, si potrà godere della musica, anche se probabilmente verrà percepita in modo diverso dal normoudente.

14) L’impianto cocleare migliora la qualità della vita del paziente in maniera generale. Oltre a ciò che riguarda le prestazioni uditive e comunicative del soggetto impiantato, si avranno miglioramenti anche sul piano del benessere psicologico, sociale e fisico: il paziente riacquista sicurezza, fiducia in se stesso, autonomia, desiderio di comunicare e di sentirsi parte della società.

15) Attualmente l’impianto cocleare ha dato degli ottimi risultati anche nei soggetti anziani con più di 70 anni, riducendo i fenomeni depressivi, le cadute e l’isolamento sociale, ed incidendo anche sul rallentamento del decadimento cognitivo.

 

Editor Karin Mosca

Prof. Carlo Antonio Leone
Otorinolaringoiatria

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies