Incremento della ferritina: un campanello d’allarme per la salute

Autore: Prof. Luca Valenti
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

L’aumento della ferritina è una condizione che interessa circa il 5% degli adulti. Elevati livelli di ferritina si riscontrano in corso di malattie infiammatorie e possono far sospettare patologie da accumulo di ferro, ma ancora più frequentemente riflettono malattie metaboliche che mettono a rischio complicazioni cardiovascolari ed a livello del fegato. Il Dott. Luca Valenti, esperto in Medicina Interna a Milano, ci spiega quali sono le cause più frequenti e come affrontarle.

Che cos’è la ferritina? E quali sono le più frequenti cause di aumento dei suoi valori?

La ferritina è una proteina presenta a livello del sangue, dove viene rilasciata in risposta ad aumento del ferro corporeo, ma anche di stimoli infiammatori e di stress a livello cellulare (in particolare a livello delle cellule del fegato e del sistema immunitario). Il dosaggio della ferritina viene comunemente richiesto tra i comuni esami ematochimici per valutare lo stato corporeo del ferro. Mentre valori ridotti sono spesso indice di carenza di questo metallo, l’aumento dei livelli di ferritina riflette malattie da accumulo di ferro solo in una minor parte dei casi (vedi tabella). Infatti, le cause più frequenti sono rappresentate da alterazioni metaboliche associate a sovrappeso e diabete, oppure abuso alcolico, che causano eccessivo accumulo di grasso ed infiammazione nel fegato e possono portare a malattia epatica avanzata (cirrosi e tumore del fegato), malattie infiammatorie croniche, tumori e malattie del sangue. In particolare, valori ≥ 1000 ng/ml si associano a rischio maggiore di rischio per la salute elevato. Il riscontro anche occasionale di aumento della ferritina è quindi un campanello di allarme che deve indurre ad indagare le possibili cause, in modo da poter prevenire tempestivamente l’insorgenza di complicazioni per la salute.

Cause più frequenti di aumento della ferritina

Condizione

Aumento di ferro corporeo

Trattamento

Dismetabolismo

(fegato grasso  frequentemente associato a sovrappeso e diabete)

+/-

Modificazione dello stile di vita, calo ponderale ed esercizio fisico;

Ferrodeplezione nei casi più severi

Abuso di bevande alcoliche

+/-

Sospensione abuso

Malattie infiammatorie

-

Trattamento della patologia di base

Malattie genetiche da accumulo di ferro

++

Ferrodeplezione (rimozione del ferro con prelievo di sangue)

Tumori e malattie del sangue

-

Trattamento della condizione di base

Aumento della ferritina: come indagarlo ed affrontarlo

In presenza di un marcato aumento dei valori di ferritina è quindi importante determinare la presenza di malattie infiammatorie, tumorali ed epatiche e di sovraccarico di ferro con gli opportuni accertamenti, basati sulla valutazione sia della storia ed esame clinico, sia da esami ematici di completamento, che strumentali. La causa più frequente rimane tuttavia la presenza di infiammazione epatica in chi soffre di “fegato grasso”. In questi casi, la riduzione e sospensioni di bevande alcoliche e zuccherate, attività fisica, il miglioramento della qualità della dieta ed il dimagrimento, con una perdita di peso di >5% del peso iniziale, è in grado di migliorare il quadro. Per i pazienti affetti da forme più severe di iperferritinemia anche la ricerca scientifica si sta muovendo. Nei centri di riferimento sono attualmente in corso di sperimentazione clinica nuovi farmaci in grado di contrastare l’accumulo di grasso, infiammazione e fibrosi nel fegato.

Prof. Luca Valenti
Medicina interna

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies