Nuovi trattamenti per combattere il dolore cronico alla spalla

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 06/10/2017
Editor: Top Doctors®

I pazienti che soffrono di dolore cronico alla spalla non specificato si catalogano come affetti da sindrome da conflitto subacromiale. Questa patologia è curabile con trattamenti specifici per ogni stadio del processo evolutivo della malattia, spiegati in questo articolo dal nostro esperto in ortopedia e traumatologia

Cos’è la sindrome subacromiale?

La sindrome subacromiale è causata dallo sfregamento dei tendini della spalla che involvono la testa dell’omero passando al disotto dell’acromion. Il dolore si aggrava in base all’attività del paziente, in qualsiasi momento della sua vita, oppure per la forma puntigliosa del suo acromion, l’osso che entra in conflitto con i tendini.

Come si manifestano i sintomi?

Le manifestazioni cliniche si riconoscono con dolore alla spalla, che si estende a volte al lato dell’omero, che con alta o bassa intensità può persistere e incrementare con il passare degli anni, fino alla rottura muscolare. Inizialmente i dolori appaiono in gesti precisi, per poi acutirsi con l'aumento dell’attività fisica e movimenti eccessivi della spalla. In questo caso si hanno in seguito dolori più frequenti che impediscono i movimenti quotidiani, come alzare le braccia.

In che modo si sviluppa il dolore cronico alla spalla?

Il problema comincia a notarsi con la borsite che si prolunga poi con tendinite del sovraspinoso della spalla. Questo tendine subisce una lesione parziale che si estende poi ai tendini infraspinati e sottoscapolari fino a che, con gli avanzare degli anni, si arriva alla rottura di tutti i muscoli che compongono la cuffia dei rotatori e il conflitto subacromiale, ultimo capitolo del danneggiamento dell’articolazione della spalla. La diagnosi è emessa dalla clinica radiologica e dalle risonanze moderne, che ci permettono di sapere con certezza a che punto di questa evoluzione si trova il paziente.

Quali sono i trattamenti per curare i dolori alla spalla?

Molte persone che hanno dolore cronico alla spalla si sottopongono a trattamenti di infiltrazioni e sessioni di recupero diminuendo temporaneamente la sofferenza, ma senza liberarsene completamente. Per questo si passa poi a trattamenti più forti. Nella prima fase si prova con una riabilitazione del potenziamento muscolare. Se questa non ha un effetto positivo, si passa alla fase chirurgica. La tecnica di artroscopia della spalla è molto poco invasiva e permette di abbassare l’acromion, per poi suturare e riassestare i tendini sopra l’omero, con una seguente permanenza clinica inferiore a 24 ore. L’ultima fase del conflitto subacromiale, che sarebbe quella con lesione irreparabile, può essere guarita a seconda dell’età, con infiltrazioni per la crescita delle piastrine, che in molte occasioni riescono a stabilizzare il problema. Questo sostituisce il trattamento più invasivo con protesi inversa di spalla, essendo questo, in alcuni casi, il trattamento finale.

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Ortopedia e Traumatologia


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies