Dolore alla spalla

Specializzazione di Ortopedia e Traumatologia

Che cos’è il dolore alla spalla?

Il termine dolore alla spalla copre tutti i problemi che possono provocare un dolore nell’articolazione. Le cause alla base di una patologia o di una lesione alla spalla possono essere la degenerazione dei tendini a causa di usura, gli sforzi fisici ripetitivi sul lavoro o nello sport e i traumi violenti. Il sintomo generico del dolore alla spalla è un dolore che può essere accompagnato dalla perdita di mobilità del braccio. Il concetto copre quadri clinici come la tendinite della cuffia dei rotatori, la tendinite calcifica, la rottura della cuffia dei rotatori, la tendinite del bicipite, la borsite subacromiale e la capsulite adesiva o retrattile. Il dolore alla spalla può essere causato anche da una malattia del tessuto connettivo, o connettivite, come l’artrite reumatoide.

Prognosi della malattia

Se il paziente segue un trattamento adeguato per il dolore alla spalla, la prognosi sarà molto positiva nella stragrande maggioranza dei casi.

Sintomi del dolore alla spalla

I sintomi avvertiti dai pazienti che soffrono di dolore alla spalla sono i seguenti:

  • Dolore alla spalla prevalentemente nella parte laterale e normalmente in direzione della parte laterale del braccio
  • Dolore che peggiora di notte e che può svegliare il paziente
  • Dolore quando si solleva il braccio per più di 90 gradi, ovvero sopra la testa
  • Perdita di forza nella spalla
  • Atrofia di diversi muscoli intorno alla spalla

Diagnosi per il dolore alla spalla

Il principale esame che si effettua per diagnosticare il dolore alla spalla è l’esame obiettivo. Il dolore alla spalla consiste in una serie di dolori che, insieme alla sindrome da impingement (conflitto), i traumatologi vedono con grande frequenza durante la loro esperienza professionale. Durante l’esame obiettivo lo specialista otterrà, attraverso i movimenti del braccio del paziente, le informazioni necessarie per elaborare una diagnosi corretta. Il medico utilizzerà inoltre delle manovre esplorative e dei metodi speciali per esaminare con attenzione il paziente. Alcuni di questi sono:

  • Test di Jobe
  • Test dell’impingement di Neer
  • Test di Hawkins
  • Test per verificare la presenza di arco doloroso
  • Manovra di Brudzinski
  • Manovra di Lasègue

A volte lo specialista potrebbe avere bisogno di effettuare esami di diagnostica per immagini al fine di poter trarre delle conclusioni certe e per valutare lo stato dell’articolazione dell’omero e dello spazio sottostante al tetto della spalla, per esempio per mezzo di:

Infine, qualora gli esami non indichino in modo specifico la causa del dolore alla spalla, effettuare un’artroscopia può essere utile per rendere la diagnosi più chiara.

Quali sono le cause del dolore alla spalla?

Le cause classiche della sindrome da impingement sono:

  • Incarceramento, lesione, usura o infiammazione di un muscolo o del suo tendine.
  • Incarceramento o infiammazione della borsa sinoviale, di parti della capsula articolare o del tendine lungo del bicipite.

Si può prevenire?

La prevenzione del dolore alla spalla è relativa. Si consiglia di effettuare un allenamento muscolare specifico per la cuffia dei rotatori, di mantenere una buona posizione e di muovere mantenendo allo stesso tempo sufficientemente rilassati i muscoli della spalla e del braccia. Per quanto riguarda l’allenamento, vengono consigliati in particolare degli esercizi per la spalla che il paziente può eseguire autonomamente in casa. Tuttavia, si dovrà trattare di un allenamento moderato, in quanto un sovraccarico, invece di farlo scomparire, provoca dolore.

Trattamenti per il dolore alla spalla

All’inizio il trattamento del dolore alla spalla non è di tipo chirurgico. Il trattamento conservativo consiste di farmaci e fisioterapia. Nonostante il trattamento intensivo, a volte possono passare settimane o mesi prima che la manifestazione dei disagi cessino per i pazienti e la sindrome da impingement muscolare migliori. Questo è il motivo per cui è necessario avere pazienza. Il trattamento si basa sui tre obiettivi seguenti:

  • 1.Ripristinare il funzionamento dell’articolazione
  • 2.Recuperare tutta la forza muscolare
  • 3.Eliminare il dolore

Se il trattamento conservativo non riesce a migliorare i dolori alla spalla e la funzionalità risulta limitata, sarà necessario consultarsi con il medico per decidere se sia appropriato effettuare un’operazione e se la situazione migliorerà di conseguenza. In ogni caso il paziente può contribuire ad alleviare il dolore alla spalla o a liberarsene completamente seguendo sempre le indicazioni del medico.

A quale specialista rivolgersi?

L'ortopedico è lo specialista che si occupa di trattare i dolori della spalla.

Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies