Tumore al polmone: diagnosi e cure

Autore: Dott. Tommaso Nicolosi
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Cosa favorisce lo sviluppo del cancro al polmone e quanto è importante la diagnosi precoce? il Dott. Tommaso Nicolosi, esperto in Chirurgia Toracica a Catania ci spiega come affrontare questa patologia.

Tumore al polmone: quanto è diffuso?

Il tumore del polmone è una malattia di grande impatto sociale, essendo fra le neoplasie più frequenti (circa 32.000 nuovi casi l'anno) e con alto indice di mortalità. Nell'85% dei casi è una malattia legata al fumo di sigaretta, anche se sono in aumento quelle tipologie di tumore polmonare in donne non fumatrici (adenocarcinoma). La natura maligna del tumore è riconoscibile nel 95% dei casi e di questi circa l'85% è riconducibile ad un tumore, non a piccole cellule.

Quali sono i trattamenti disponibili per il cancro al polmone?

La cura del cancro al polmone può avvalersi della chirurgia, del trattamento farmacologico (chemioterapia), di quello radioterapico (radioterapia) oppure, più recentemente e non per tutti i tumori polmonari, la terapia biologica e l’immunoterapia. Spesso il trattamento più adeguato prevede l'utilizzo di queste metodiche combinate tra loro. Quanto è importante la diagnosi precoce? Si ha l'obbligo di sottolineare che l'unica terapia in grado di guarire un tumore polmonare è la chirurgia, ma solo in uno stadio precoce di malattia. Purtroppo, il ritardo diagnostico medio, nel mondo, è di circa 9 mesi, pertanto, su 100 pazienti, soltanto una piccola percentuale, pari a circa il 25% di malati, è, al momento della diagnosi, in uno stadio chirurgico, quindi suscettibile di intervento con intento di radicalità curativa. Per tale ragione, occorre inviare presto il paziente all'attenzione dello specialista chirurgo toracico per iniziare un programma di stadiazione (TAC e PET), di tipizzazione cito-istologica della lesione (broncoscopia, agobiopsia, toracoscopia) e studio funzionale cardio-respiratorio. Se, valutati tutti i parametri, il paziente viene considerato un buon candidato al trattamento chirurgico, gli verrà proposta la resezione polmonare (segmentectomia, lobectomia, pneumonectomia) più adeguata alle sue possibilità cardiorespiratorie ed alla radicalità prevista dai moderni criteri dell'oncologia toracica.

Quali sono i vantaggi della resezione polmonare?

La resezione polmonare oggi è un evento molto meno traumatico rispetto al passato, per l'utilizzo di tecniche di chirurgia mininvasiva video-assistita, che consentono di accedere all'interno del torace attraverso incisioni più piccole e meno dolorose rispetto a quelle utilizzate dai chirurghi toracici in passato. Il miglioramento delle metodiche anestesiologiche e delle tecniche chirurgiche mininvasive videoassistite consentono una minore durata del periodo di ospedalizzazione, una riduzione del dolore post-operatorio ed una pronta ripresa funzionale post-operatoria.

Dott. Tommaso Nicolosi
Chirurgia toracica

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies