Afasia

Specializzazione di Neurologia

Che cos’è l’afasia?

L’afasia è un disturbo del linguaggio originato da lesioni alle aree del cervello che controllano il linguaggio. Può creare problemi a livello di lettura, scrittura e/o espressione orale. Esistono quattro tipi di afasia:

  • Afasia espressiva: il paziente sa cosa dire ma ha difficoltà a farlo oralmente o per iscritto.
  • Afasia recettiva: il paziente può leggere un testo stampato o ascoltare ma non riesce a comprendere.
  • Afasia anomica: il paziente ha difficoltà a usare le parole correttamente, descrivere oggetti, luoghi ecc.
  • Afasia globale: il paziente non capisce ciò che gli viene detto e non può parlare, leggere o scrivere.

Prognosi della malattia

L’evoluzione di questa malattia è di difficile previsione, avendo una grande variabilità. In generale, i pazienti giovani hanno un recupero migliore. Un altro elemento importante per prevedere l’evoluzione della malattia è la localizzazione della lesione. Bisogna sottolineare che i pazienti sono soliti recuperare prima la capacità di comprensione e poi quella di espressione.

Sintomi dell’afasia

I sintomi colpiscono direttamente l’espressione, producendo un disturbo del linguaggio. I pazienti iniziano a non essere in grado di costruire periodi grammaticali, motivo per il quale impiegano frasi brevi (da una a tre parole) per comunicare. Inoltre, l’ordine delle parole non segue l’ordine grammaticale, ma si basa sull’importanza dell’argomento. Altri sintomi che possono presentarsi sono:

  • Dire frasi senza significato
  • Pronunciare parole irriconoscibili
  • Non comprendere una conversazione tra altre persone
  • Interpretare in modo letterale il linguaggio figurato
  • Scrivere frasi senza significato

Diagnosi per l’afasia

il medico effettuerà una visita medica (anche di tipi neurologico), valutando resistenza, sensibilità e riflessi. In caso di risultati anomali, può consigliare di eseguire un esame diagnostico per immagini, come ad esempio una risonanza magnetica per studiare le cause dell’afasia.

È anche possibile condurre prove informali per valutare le abilità nel linguaggio quotidiano, come nominare oggetti comuni, partecipare a una conversazione, comprendere e usare le parole correttamente, ripetere parole e frasi, leggere e scrivere e così via.

Quali sono le cause dell’afasia?

Questa patologia è comune in adulti che hanno subito un ictus, pazienti con tumori cerebrali, infezioni, lesioni cerebrali o demenza. La gravità della patologia dipende dalla parte di cervello danneggiata e dall’importanza della lesione stessa. Nel caso dell’accidente cerebrovascolare, il recupero può durare fino a due anni, anche se non tutti i pazienti recuperano completamente. Se invece l’afasia è causata da una perdita delle funzioni cerebrali, essa non migliora.

Si può prevenire?

Per prevenire questa patologia è importante prestare attenzione alle sue cause, ossia evitare lesioni cerebrali mantenendo livelli ottimali di colesterolo e glucosio ed evitando l’abuso di tabacco e il sovrappeso.

Trattamenti per l’afasia?

Esistono casi in cui i pazienti guariscono dall’afasia senza trattamento; tuttavia, la maggior parte ha bisogno di una terapia del linguaggio in modo tempestivo. La riabilitazione dev’essere eseguita da uno specialista del linguaggio tramite esercizi nei quali i pazienti leggono, scrivono, ripetono ciò che sentono ecc. Inoltre, oggi è possibile fare esercizi con strumenti aggiuntivi, ad esempio esercizi online e così via.

Quale specialista se ne occupa?

Lo specialista che si occupa di questa malattia è il logopedista, che individua, valuta, diagnostica e tratta i disturbi del linguaggio.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies