Anafilassi

Che cos'è l'anafilassi?

L'anafilassi, detta anche reazione anafilattica o shock anafilattico, è una grave reazione allergica che coinvolgePaziente e medico il nostro organismo quando entra in contatto con sostanze a cui si è allergici. In genere la sua manifestazione è molto rapida, condizione che, se trascurata, potrebbe scatenare sintomi molto gravi e persino fatali. Può colpire direttamente molti organi, come pelle, naso, bocca, gola, torace, cuore, tratto gastrointestinale e sistema nervoso.

Prognosi della malattia

Come già accennato, l'anafilassi può diventare fatale se i sintomi non vengono trattati in tempo. Con un trattamento adeguato, i sintomi possono essere notevolmente migliorati, ma è molto importante agire nel momento in cui si verifica uno shock anafilattico.

Sintomi dell’anafilassi

I sintomi si verificano in modo grave e rapido in tutto il corpo. I più comuni sono:

  • Dolore addominale
  • Asma
  • Ansia
  • Diarrea
  • Difficoltà a deglutire
  • Difficoltà a respirare, tosse, respiro sibilante o rumori respiratori acuti
  • Vertigini
  • Congestione nasale
  • Orticaria, prurito, arrossamento della pelle, eritemi
  • Nausea e vomito
  • Difficoltà di comunicazione
  • Gonfiore di viso, occhi e lingua
  • Palpitazioni
  • Perdita di coscienza

Diagnosi

L'allergologo interverrà conducendo un questionario alla persona per studiare la possibile causa dell'anafilassi. Una volta che i sintomi si siano attenuati, verrà eseguito un trattamento e svolti dei test allergologici per analizzare l'allergene che ha causato la reazione.

Quali sono le cause dell'anafilassi?

L'anafilassi si verifica in risposta a qualsiasi allergene. Le cause più comuni sono rappresentate da cibi (crostacei, uova, arachidi), punture di insetto (vespa o ape), contatto con determinate sostanze come il latex o assunzione di determinati farmaci. L'anafilassi può verificarsi dopo l'esposizione a un fattore allergenico, i tessuti iniziano a espellere l'istamina, che provoca il restringimento delle vie aeree e scatena altri sintomi.

Si può prevenire?

Per evitare o prevenire una reazione allergica o anafilassi si consiglia di seguire i seguenti suggerimenti:

  • Evitare condizioni che hanno causato una reazione allergica in passato;
  • Controllare gli ingredienti degli alimenti consumati o acquistati;
  • Portare con sé farmaci di emergenza se sei a rischio di anafilassi (autoiniettore di adrenalina).

Trattamenti per anafilassi

Generalmente l’anafilassi richiede un trattamento tempestivo ed efficace; una soluzione immediata e temporanea può essere rappresentata dalla somministrazione di adrenalina.

Altri consigli da seguire sono:

  • Chiamare il servizio di emergenza;
  • Rassicurare la persona;
  • Se è dovuto alla puntura di un'ape, raschiare la puntura della pelle con le unghie o con una carta di credito, ma non con una pinzetta;
  • Aiuta la persona ad assumere il farmaco di emergenza (se ne ha uno);
  • Aiuta il soggetto a sdraiarsi in posizione orizzontale sollevando i piedi di almeno 30 cm e coprilo con una coperta (non seguire questa procedura se si sospetta una lesione alla testa, alla schiena, al collo o alle gambe);
  • Non posizionare un cuscino sotto la testa o somministrare nulla per via orale se si riscontrano problemi respiratori.

A quale specialista rivolgersi?

Lo specialista che tratta questa patologia è l'allergologo.

Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies