Palpitazioni

Indice:

  1. Che cosa sono le palpitazioni?
  2. Prognosi della malattia
  3. Sintomi delle palpitazioni
  4. Diagnosi per le palpitazioni
  5. Quali sono le cause delle palpitazioni?
  6. Si possono prevenire?
  7. Trattamenti per le palpitazioni
  8. A quale specialista rivolgersi?

Che cosa sono le palpitazioni?

Le palpitazioni, conosciute anche con il nome di cardiopalmo, sono battiti cardiaci violenti o accelerati che si possono avvertire nel petto, nella gola o nel collo. Quando si verificano il ritmo cardiaco può essere normale o anomalo.

Generalmente il cuore umano batte tra le 60 e le 100 volte al minuto. Negli atleti o nelle persone che assumono farmaci per rallentare il ritmo cardiaco i battiti possono essere meno di 60 (bradicardia). Al contrario, se la frequenza cardiaca supera i 100 battiti al minuto la persona soffre di tachicardia, mentre i battiti cardiaci in più si chiamano extrasistoli.

Prognosi della malattia

Le palpitazioni di solito non sono gravi. È necessario verificare che non siano il risultato di un ritmo cardiaco anomalo, nel qual caso si tratterebbe di un’aritmia.

Sintomi delle palpitazioni

Le palpitazioni si manifestano con una sgradevole sensazione provocata da un battito cardiaco troppo forte e troppo veloce. Di solito si tratta di una risposta ad una situazione di ansia o ad una stimolazione eccessiva.

Diagnosi per le palpitazioni

Lo specialista può aver bisogno di effettuare diversi esami al fine di diagnosticare le palpitazioni cardiache, tra cui:

Quali sono le cause delle palpitazioni?

Le palpitazioni normalmente compaiono a causa di ansia, stress o attacchi di panico; consumo di caffeina o nicotina; consumo di cocaina ed altre sostanze illecite; esercizio fisico e febbre, oltre ad altre cause. Inoltre, vi sono delle condizioni in grado di far aumentare le probabilità di avere un ritmo cardiaco anomalo come:

Si possono prevenire?

È possibile prevenire le palpitazioni adottando alcune abitudini, come per esempio:

  • Svolgere esercizio fisico moderato con regolarità;
  • Evitare l’ansia e lo stress;
  • Evitare tabacco, alcol e caffè.

Trattamenti per le palpitazioni

Il trattamento delle palpitazioni dipenderà dalle cause che le provocano. Normalmente si basa su modifiche alla dieta e allo stile di vita del paziente, che includono l’esercizio fisico e l’eliminazione degli stimolanti.

A volte, se il problema ha origine nel cuore o in parti di esso, può essere necessario un intervento chirurgico (per cambiare una valvola o installare un pacemaker).

A quale specialista rivolgersi?

Lo specialista che tratta le palpitazioni è il Cardiologo e deve essere consultato in caso di dolore toracico, vertigini, difficoltà di respirazione, sudorazione insolita o perdita di lucidità mentale.

Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle la pubblicità relativa alle sue preferenze, nonché analizzare le sue abitudini di navigazione. L'utente ha la possibilità di configurare le proprie preferenze QUI.