Biochimica clinica

Specializzazione di Ematologia

Che cos’è la biochimica clinica?

La biochimica clinica è una branca della patologia, che si occupa dello studio delle malattie. La biochimica clinica mira a diagnosticare e gestire le malattie attraverso l’analisi del sangue, delle urine e di altri fluidi corporei.

In che cosa consiste la biochimica clinica?

Il biochimico clinico preleva un campione di fluido corporeo e lo analizza in laboratorio. I risultati vengono quindi utilizzati per guidare la diagnosi e le decisioni in merito al trattamento. Gli esami più comuni nell’ambito della biochimica clinica includono: 

  • Livelli di zucchero nel sangue (utile per individuare il diabete)
  • Misurazione degli elettroliti (possono indicare disturbi metabolici o renali)
  • Livelli enzimatici nel sangue (la presenza di alcuni enzimi può indicare problemi cardiaci, malattie epatiche e alcuni tipi di tumori)
  • Livelli ormonali (possono indicare se le ghiandole funzionano in modo corretto)
  • Livelli lipidici (possono indicare malattie cardiovascolari)
  • Livelli proteici (possono essere utili per individuare disturbi alimentari o metabolici)

Preparazione per gli esami di biochimica clinica:

Alcuni esami di biochimica clinica richiedono un periodo di digiuno. Per esempio, la misurazione dei livelli di zucchero nel sangue richiederà al paziente di digiunare fino a 8 ore prima della procedura.

Cosa aspettarsi durante gli esami di biochimica clinica:

In caso di esame delle urine il paziente fornirà un campione urinando in un apposito contenitore fornito da un infermiere o un medico.

Per gli esami del sangue, invece, il sangue viene di solito prelevato da una vena del braccio, posizionata nella piega del gomito oppure sul polso. Nei bambini il sangue viene spesso prelevato dal dorso della mano. Nella parte superiore del braccio viene applicato un laccio emostatico allo scopo di rallentare il flusso sanguigno e per consentire l’ingrossamento della vena. La pelle viene pulita, un ago attaccato ad una siringa viene inserito nella vena e il sangue viene prelevato per mezzo della siringa. Una volta prelevato, l’ago viene rimosso e viene applicata pressione sull’area interessata per alcuni minuti. Per coprire la ferita è possibile utilizzare un cerotto.

Che cosa implicano dei risultati anomali?

Se i risultati degli esami indicano delle anomalie, il medico li utilizzerà per raccomandare ulteriori esami o scansioni oppure per fare una diagnosi e il relativo piano di trattamento. Dei risultati anomali possono inoltre essere seguiti da esami di biochimica clinica più specialistici. Alcuni esami di biochimica clinica vengono ripetuti per garantire che non vi siano errori.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies