Cattiva digestione (Dispepsia)

Specializzazione di Gastroenterologia

Che cos’è la dispepsia?

La dispepsia, ovvero la difficoltà di digestione, è un dolore all’area superiore dell’addome che si manifesta soprattutto dopo mangiato. Si tratta di un disturbo molto comune che può essere alleviato con la somministrazione di farmaci per ridurre l’acidità di stomaco e di farmaci gastroprotettori. La condizione a volte è correlata a stress, consumo di alcol, tabagismo, abuso di cibi ricchi di grassi o al fatto di mangiare troppo in fretta. Per tale motivo, al momento della digestione il disagio può diminuire se si adottano abitudini sane, sia a livello di dieta che di abitudini quotidiane. Si tratta comunque di un problema benigno, privo di conseguenze serie, anche se può essere cronico e può comparire e scomparire ciclicamente nel corso degli anni.

Prognosi della malattia

La prognosi per la dispepsia di solito è positiva. Si tratta di una malattia molto frequente e il più delle volte è causata da processi organici benigni che tendono ad avere prognosi positiva e che non presentano rischi, benché in molti casi si trasformi in malattia cronica. Raramente è il risultato di malattie gravi con prognosi negativa.

Sintomi della dispepsia

Il sintomo più comune tra i pazienti affetti da questa condizione è il disagio che si produce nell’area superiore dell’addome, che di solito si manifesta durante o dopo i pasti.

Il dolore può essere descritto come un calore o un bruciore nell’area compresa tra l’ombelico e la parte inferiore dello sterno, così come anche una sensazione di fastidioso gonfiore all’inizio o alla fine dei pasti.

Questo disagio non ha nulla a che fare con l’acidità di stomaco, in quanto i sintomi dell’acidità di solito iniziano nel petto e si possono diffondere al collo o alla gola.

Esami per diagnosticare la dispepsia

Al momento di diagnosticare la dispepsia gli specialisti utilizzano due esami che consentono loro di effettuare un accurato controllo medico:

  • Ecografia addominale
  • Endoscopia gastrointestinale. Un esame effettuato per acquisire immagini dell’esofago, dello stomaco e del duodeno al fine di rilevare e identificare eventuali lesioni.

Quali sono le cause della dispepsia?

In generale la conoscenza delle cause della dispepsia è molto scarsa. Per cominciare, in alcuni casi i sintomi si presentano dopo un pasto abbondante o dopo aver assunto farmaci che causano danni alla mucosa gastrica, in particolare l’aspirina o i farmaci antinfiammatori.

Alcuni problemi psicologici, tra cui lo stress, l’ansia o la depressione, possono agire come fattori scatenanti della malattia.

Vi sono casi di pazienti che soffrono di ulcera allo stomaco, o nella regione duodenale, provocata principalmente da un batterio chiamato Helicobacter pylori. Le cause più comuni di dispepsia sono:

  • Consumo eccessivo di alcol
  • Ingestione di cibo piccante o grasso
  • Ingestione di cibo in grandi quantità e in breve tempo
  • Tabagismo
  • Alimenti ad alto contenuto di fibre
  • Consumo eccessivo di caffeina

Si può prevenire?

È possibile adottare delle abitudini utili nel prevenire questo tipo di malattia, tra cui:

  • Rilassarsi e prendersi una pausa dopo mangiato. Gli specialisti consigliano di evitare lo stress e l’esercizio fisico subito dopo mangiato.
  • È importante masticare bene senza ingerire il cibo subito dopo averlo messo in bocca.

D’altro lato, se il paziente ha già avuto episodi di dispepsia in precedenza, è consigliabile evitare di assumere alcuni farmaci, come l’acido acetilsalicilico, e alcuni farmaci antinfiammatori a stomaco vuoto.

Trattamenti per la dispepsia

Esistono diversi tipi di trattamenti che lo specialista indicherà al paziente a seconda del tipo di coinvolgimento della malattia.

  • Dieta: in molti casi i pazienti presentano sintomi legati al consumo di cibo. Pertanto, il medico consiglia di mangiare cibi a basso contenuto lipidico e calorico, oltre che in piccole quantità.
  • Antibiotici: lo specialista prescriverà degli antibiotici allo scopo di eliminare il batterio noto come Helicobacter pylori nei casi in cui sia questo a causare la malattia.

Quale tipo di specialista la tratta?

Lo specialista incaricato di diagnosticare e trattare i problemi di dispepsia è lo specialista dell’apparato digerente.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies