Mieloma multiplo

Specializzazione di Ematologia

Che cosa è il mieloma multiplo?

Il mieloma multiplo è un tipo di cancro del sangue che colpisce le cellule plasmatiche, un tipo di globuli bianchi ubicato nel midollo osseo. È incluso all'interno delle gammopatie monoclonali, un gruppo di malattie che causano un'anomalia nella produzione di immunoglobuline e provocano tumori alle cellule plasmatiche. Queste cellule sono molto importanti, poiché sono responsabili della produzione di immunoglobuline o anticorpi, ovvero gli agenti che difendono l'organismo dalla materia estranea che può entrare in corpo.

Quali sono i sintomi?

Il sintomo principale del mieloma multiplo è il dolore osseo, localizzato perlopiù nella colonna vertebrale e nelle costole. Altri sintomi sono legati alla mancanza di globuli rossi (affaticamento, debolezza, palpitazioni o capogiro) o all'alterazione della normale funzione piastrinica (ecchimosi, sanguinamento delle gengive o naso). Si possono anche verificare perdita di peso, infezioni, fratture ossee senza causa apparente e talvolta tumori alle cellule plasmatiche. Inoltre, altri pazienti con mieloma multiplo presentano osteoporosi, osteolisi o fratture ossee. Tra le regioni più colpite: il cranio, la colonna vertebrale, le costole, lo sterno, il bacino e il femore.

Cause del mieloma multiplo o perché si verifica

Per quanto riguarda le cause del mieloma multiplo, al momento non è possibile dimostrarne l'ereditarietà. Tuttavia, la ricerca ha individuato vari fattori occupazionali e ambientali tra le cause scatenanti. Particolarmente soggetti coloro che lavorano nel settore del metallo, cuoio, plastica, tessile o legno, così come nelle aziende agricole e in altri settori che prevedono un'esposizione a pesticidi. Tuttavia, non esistono dati certi. Per ciò che concerne lo stato di salute del paziente e le sue abitudini, ci sono studi che indicano l'obesità come fattore di rischio nell'incidenza di mieloma multiplo. Altri fattori, come il fumo o l'alcool, tuttavia, non sembrano essere correlati all'insorgere della malattia.

Si può prevenire?

Nel mieloma multiplo ci sono pochi casi correlati a fattori di rischio evitabili, soprattutto per la gammopatia monoclonale di significato incerto o plasmocitoma solitario non v'è alcuna misura di prevenzione.

Qual è il trattamento?

Un paziente con mieloma multiplo dovrebbe essere trattato solo se presenta ipercalcemia, insufficienza renale, anemia o lesioni ossee. Se il paziente ha meno di 70 anni il trattamento si basa sulla chemioterapia endovenosa classica seguita da trapianto autologo di midollo. Nei pazienti di età superiore ai 70 anni il trattamento deve essere personalizzato: può essere una terapia classica per via orale, che è meno tossica. Lo scopo del trattamento sarà quello di frenare la malattia, dal momento che attualmente non vi è cura che ne permette la guarigione. Tuttavia, più della metà dei pazienti riesce a tenere a bada i sintomi (totalmente o parzialmente). L'unico trattamento con potenziale curativo è il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (da un donatore compatibile), ma questa cura può essere utilizzata solo in determinati casi perché l'età avanzata dei pazienti e la tossicità rendono il trattamento poco praticabile.

Video collegati a Mieloma multiplo


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies