Orticaria allergica

Specializzazione di Allergologia

Che cos’è l’orticaria allergica?

L’orticaria allergica è una malattia della pelle (anche se talvolta appare anche sulle mucose) che si manifesta in forma di eruzione cutanea (pomfi biancastri o rossastri sulla pelle) e prurito in tutto il corpo. Di norma è più persistente rispetto ai casi di orticaria “normale”, in cui i sintomi scompaiono nel giro di poche ore, perché in questo caso sono provocati da un allergene. Nel caso dell’orticaria allergica, oltre ai tipici pomfi, alla loro infiammazione e al prurito, si presentano anche altri sintomi come gonfiore o difficoltà respiratoria. È a questo punto che diventa necessario un approfondimento da parte di uno specialista in allergie.

Prognosi della malattia

L’orticaria è una malattia molto fastidiosa ma, nella maggior parte dei casi, è inoffensiva e scompare nel giro di circa 48 ore. Ciò nonostante, si consiglia di consultare uno specialista in allergologia per ricevere una diagnosi più precisa.

Sintomi dell’orticaria allergica

I sintomi dell’orticaria possono essere prurito e gonfiore o infiammazione della superficie della pelle, con comparsa di pomfi di colore rossastro dai contorni definiti. I pomfi possono comparire e scomparire e persino crescere, creando zone in cui la pelle è in rilievo.

Diagnosi per l’orticaria allergica

Normalmente, l’orticaria allergica viene diagnosticata con l’osservazione della pelle da parte dello specialista. Ci sono situazioni in cui si può eseguire una biopsia della pelle e delle analisi del sangue per confermare la presenza di una reazione allergica e chiarire la causa principale dell’orticaria.

Quali sono le cause dell’orticaria allergica?

Quando è in corso una reazione allergica, il corpo libera istamina e altre sostanze chimiche, e ciò causa prurito, infiammazione e altri sintomi. Alcune delle sostanze che possono provocare orticaria allergica sono:

  • Peli di animali
  • Punture di insetto
  • Farmaci
  • Polline
  • Alcuni cibi, soprattutto frutti di mare e pesce, anche se anche la frutta secca (ad esempio le noci), le uova, il latte e altri possono scatenare un’orticaria allergica

Ci sono altri fattori che possono dar luogo a questa patologia, come lo stress emotivo, l’esposizione a freddo o caldo estremi, vari tipi di malattie e infezioni, l’esposizione all’acqua ecc.

Si può prevenire?

Per prevenire l’orticaria è importante effettuare test allergologici con l’obiettivo di identificare le sostanze che possono provocare una reazione allergica. Evitare l’esposizione a queste sostanze evita la comparsa di orticaria allergica.

In cosa consiste il trattamento?

Ci sono casi in cui il trattamento non è necessario, dal momento che l’orticaria può scomparire da sola. Tuttavia, il trattamento abituale per questo problema è a base di antistaminici e corticoidi, sempre sotto supervisione medica. Si consiglia anche di evitare docce calde e vestiti aderenti che possono irritare ancora di più l’area. Se la reazione allergica è molto grave, è possibile che sia necessario iniettare epinefrina (adrenalina) o steroidi.

Quale specialista se ne occupa?

L’allergologia è la specializzazione medica che si occupa di diagnosticare e trattare le malattie causate da meccanismi immunologici. Per individuare un’eventuale allergia è importante che l’allergologo effettui uno studio eziologico delle cause per identificare la fonte allergenica, la diagnosi a livello molecolare e il trattamento globale.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies