Osteomielite

Specializzazione di Malattie infettive

Che cos’è l’osteomielite?

L’osteomielite è un’infezione delle ossa che colpisce tra le 10 e le 100 persone su 100.000 ogni anno. Le ossa si possono infettare in vari modi: in seguito ad intervento chirurgico o a causa di fratture o ferite. È inoltre possibile che le ossa vengano interessate da un’infezione presente nel sangue. Il rischio di infezione ossea aumenta se ci si è sottoposti ad un intervento all’anca, se il sistema immunitario risulta indebolito oppure se si è affetti da diabete. L’osteomielite può colpire sia i bambini che gli adulti. I bambini sono più comunemente colpiti dall’osteomielite acuta, che si sviluppa rapidamente nel corso di 7-10 giorni. Negli adulti, in particolare le persone affette da diabete, l’osteomielite cronica è più comune.

Prognosi della malattia

La maggior parte dei casi di osteomielite sono curabili, in particolare l’osteomielite acuta. Nel caso dell’osteomielite cronica, tuttavia, l’infezione può ripresentarsi più volte ed il trattamento potrebbe dover essere più aggressivo (si veda sotto). Più veloce è la diagnosi e il trattamento dell’osteomielite, maggiori sono le probabilità che la condizione si risolva completamente.

Sintomi dell’osteomielite

Quando viene interessato l’osso l’osteomielite causa principalmente dolore, ma può anche causare:

  • Febbre e temperatura alta
  • Gonfiore intorno all’osso
  • Rossore ed indolenzimento nell’area interessata
  • Sensazione di malessere generale

Diagnosi per osteomielite

Durante la visita il medico di famiglia effettuerà un esame obiettivo dell’area interessata. Questi potrebbe richiedere che vengano effettuate delle scansioni, per esempio una radiografia o una risonanza magnetica (RM), al fine di poter osservare meglio l’infezione, insieme a degli esami del sangue per stabilire di che tipo di infezione si tratti. In alcuni casi il medico potrebbe consigliare una biopsia ossea allo scopo di confermare la diagnosi.

Si può prevenire?

È possibile prevenire l’osteomielite se si mantengono puliti taglie e ferite, bloccando in tal modo un’eventuale infezione. Ciò significa lavare a fondo una ferita per diversi minuti per poi applicarvi delle bende sterili. Se si soffre di diabete è importante controllare regolarmente l’eventuale presenza di segni di tagli od ematomi nei piedi e andare a vedere il proprio medico di famiglia non appena si noti un’infezione.

Trattamenti per l'osteomielite

Il trattamento prevede principalmente l’utilizzo di antibiotici per combattere l’infezione. Gli antibiotici di solito vengono somministrati per via endovenosa, e sarà pertanto probabile dover rimanere in ospedale per la procedura, fino al momento in cui non sarà invece possibile assumere compresse di antibiotici. A volte, in caso di ascesso nell’osso oppure se l’infezione sta premendo contro qualcos’altro, viene preso in considerazione un intervento chirurgico. L’intervento potrebbe inoltre essere necessario se l’osso è stato danneggiato e deve essere rimosso oppure se gli antibiotici non sono stati efficaci contro l’infezione.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies