Chirurgia oncologica

Specializzazione di Oncologia

Cos’è la chirurgia oncologica?

Consiste nella rimozione del cancro dal corpo del paziente, a opera di un chirurgo specializzato. Quando si rimuove un cancro si può anche eliminare del tessuto circostante che può contenere cellule cancerose. La chirurgia può anche essere utilizzata per prevenire o diagnosticare il cancro o per determinarne lo stadio.

Durante l’intervento si utilizza l’anestesia, in modo che il paziente perda sensibilità o non sia cosciente. L’anestesia può essere:

  • Locale: insensibilità di una piccola parte del corpo
  • Regionale: insensibilità a una parte del corpo (una gamba o un braccio)
  • Generale: insensibilità totale e perdita di coscienza

Perché eseguire un intervento di chirurgia oncologica?

La chirurgia oncologica si può realizzare per trattare, prevenire e diagnosticare un cancro o per determinarne lo stadio. Ci sono anche altre situazioni nelle quali un intervento può ad esempio alleviare i fastidi derivanti dal cancro.

  • Chirurgia per diagnosticare il cancro: si estrae del tessuto per analizzarlo. Questo procedimento è noto come biopsia.
  • Chirurgia per determinare lo stadio del cancro: ha l’obiettivo di individuare l’estensione del cancro per stabilire un trattamento da seguire.
  • Chirurgia curativa: vi si ricorre quando il cancro si trova in una parte precisa del corpo e può essere eliminato completamente (nella maggior parte dei casi).
  • Chirurgia palliativa: ha la finalità di trattare le complicanze causate da un cancro in stadio avanzato, ad esempio alleviando un fastidio o una disabilità del paziente. Vi si può ricorrere anche per controllare il dolore. In definitiva, serve a migliorare la qualità della vita del paziente, non a trattare o curare il cancro.
  • Chirurgia di appoggio: facilita il ricorso ad altri trattamenti.
  • Chirurgia ricostruttiva: usata per migliorare l’aspetto del paziente dopo che quest’ultimo è stato sottoposto a un intervento chirurgico maggiore contro il cancro.
  • Chirurgia preventiva: vi si ricorre per rimuovere del tessuto che potrebbe trasformarsi in un cancro. Si usa per ridurre o evitare il rischio di sviluppare un cancro, anche se può non avere sempre successo.

In cosa consiste?

In molti casi i chirurghi impiegano bisturi o altri strumenti affilati per tagliare parti del corpo, tra cui pelle, muscoli e, a volte, ossa.

In base al tipo di cancro di cui soffre il paziente e al suo stadio di avanzamento la chirurgia può consistere in:

  • Rimuovere tutto il tumore, che si trova localizzato in un’area
  • Ridurre il tumore: rimuoverne una parte. Si usa questo procedimento quando rimuovere l’intero tumore potrebbe danneggiare un organo. Può servire per rendere altri trattamenti più efficaci.
  • Alleviare i sintomi: rimuovere tumori che generano pressione o dolore.

Come ci si prepara a un intervento di chirurgia oncologica?

Prima di sottoporsi a un intervento contro il cancro è necessario eseguire diversi esami, che aiuteranno il medico a valutare le necessità chirurgiche del paziente. Tra gli esami abituali ci sono:

Spesso si richiede di non bere né mangiare prima dell’intervento di chirurgia oncologica, per un certo tempo.

Cure dopo l’intervento

Le cure postoperatorie varieranno in base al tipo di intervento. È probabile che il paziente debba restare in ospedale per del tempo dopo l’operazione; inoltre, dovrà recarsi periodicamente dallo specialista, ad esempio per valutare i progressi o togliere i punti di sutura.

Dopo l’intervento il medico può dare una serie di indicazioni da seguire, che possono includere linee guida su:

  • Alimentazione
  • Cura delle ferite
  • Farmaci
  • Gestione del dolore
  • Attività che possono essere svolte
  • Rientro al lavoro

Alternative a questo intervento

Il trattamento adeguato per il cancro dipenderà da fattori come il tipo di cancro stesso, il suo stadio e la sua localizzazione. La chirurgia è efficace soprattutto quando il tumore non si è esteso ad altre parti del corpo e, in questi casi, offre maggiori possibilità di guarigione. La chirurgia si può utilizzare anche per trattare problemi generati dal cancro, come la rimozione di un tumore che blocca l’intestino.

Esistono altri trattamenti che possono essere impiegati prima, dopo o contestualmente alla chirurgia:

Video collegati a Chirurgia oncologica


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies