Frattura costole

Specializzazione di Chirurgia toracica

Cosa si intende per frattura delle costole?

Le costole (o coste) fanno parte della gabbia toracica, la struttura scheletrica che protegge i vasi sanguigni più importanti e gli organi vitali dell’uomo. Dalle 12 vertebre posteriori della colonna vertebrale si generano le 12 paia di costole: la loro frattura è abbastanza comune, può riguardare una sola costa o più d’una contemporaneamente e viene classificata in composta o scomposta.

Quali sono le cause della frattura costale?

La frattura delle costole è comunemente causata da un forte trauma al torace in seguito ad un incidente stradale, ad una caduta o ad uno scontro mentre si pratica attività fisica. Oltre ai traumi, anche se in maniera meno frequente, la frattura può essere causata da una tosse molto forte o da un movimento ripetitivo, che causa la denominata frattura alle costole da stress (comune tra chi pratica golf o canottaggio). I medici individuano tra i fattori di rischio l’osteoporosi, la pratica di sport di contatto e tumori maligni.

I sintomi della frattura delle costole

Il sintomo più comune della frattura costale è il dolore che insorge quando il paziente respira profondamente, con la compressione della zona toracica interessata dalla frattura o dalla torsione del corpo. Nel momento in cui il paziente non riesce a respirare bene a causa del dolore intenso, soffrirà di fiato corto, mal di testa, vertigini, giramenti di testa o sonnolenza, oltre ad ansia e irrequietezza.

Quali sono i rischi?

La frattura delle costole può portare a complicazioni, alcune delle quali gravi. Tra i rischi più ricorrenti troviamo:

  • Lesione di vasi sanguigni. Ciò può accadere a seguito della rottura delle prime tre paia di costole: si possono così danneggiare l’aorta o altri importanti vasi
  • Lesione del polmone. Causata dalla rottura scomposta delle costole a metà della gabbia toracica, può comportare al collasso del polmone (pneumotorace)
  • Lesione alla milza, fegato o reni
  • Polmonite. La rottura delle costole causa molto dolore, portando il soggetto a non poter respirare profondamente: questo può causare l’insorgenza di un infiammazione polmonare

Come si tratta la frattura costale?

Il trattamento della frattura costale varia in base alla tipologia, alla gravità e alle conseguenze della frattura stessa, tuttavia, in linea generale, non viene trattata con ingessatura o immobilizzazione come succede in caso di frattura di un arto. In seguito ad un radiografia, si capisce se si è di fronte ad una frattura composta o scomposta. Nel primo caso, in mancanza di complicazioni, la frattura si deve calcificare da sola; il soggetto dovrà osservare un periodo di riposo, che di solito è di circa 3 settimane, accompagnato da analgesici per sopperire al dolore. Nel secondo caso, invece, non cambia il periodo di riposo, ma è importante tenere sotto controllo lo stato della frattura nelle prime 24-72 ore: è durante questo lasso di tempo, infatti, che è possibile che si generi una lesione dei vasi sanguigni o che insorga il pneumotorace.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies