Nefrectomia

Specializzazione di Urologia

Che cosa è la nefrectomia?

La nefrectomia è la procedura chirurgica con cui viene rimosso un rene o parte di esso. Può richiedere:

  • Rimozione di parte del rene (nefrectomia parziale)
  • Rimozione di un rene completo (nefrectomia semplice)
  • Rimozione dell'intero rene, del grasso circostante e della ghiandola surrenale, nonché dei linfonodi nelle vicinanze (nefrectomia radicale)
  • Si tratta di un'operazione che viene eseguita in anestesia generale e di solito dura circa tre ore o più.

Perché viene eseguita?

La nefrectomia viene eseguita:

  • Quando ci sono tumori del rene, come l'ipernefroma.
  • Se il rene è gravemente affetto da malattie benigne, come l'idronefrosi.
  • Quando il rene è danneggiato da infezioni, calcoli renali o altri problemi.
  • Quando vi è un trauma che provoca gravi lesioni al rene.
  • Quando vi è donazione di un rene.
  • Se ci sono difetti congeniti
  • Per controllare l'ipertensione arteriosa nelle persone che non hanno un buon somministro

In che consiste?

La procedura durante l'operazione dipenderà dal tipo di nefrectomia da eseguire:

  1. Nefrectomia semplice: il paziente giace sul fianco. Lo specialista effettua un'incisione fino a 30 cm da un lato, appena sopra le costole. Al tagliare, rimuove muscoli, grassi e tessuti. Può essere necessario rimuovere una costola. Il chirurgo quindi taglia il tubo che porta l'urina dal rene alla vescica (uretere) e i vasi sanguigni, e infine rimuove il rene. La ferita sarà poi chiusa con punti e graffe.
  2. Nefrectomia radicale: il chirurgo pratica un'incisione tra 20-30cm davanti all'addome sotto le costole. Tale metodo può essere condotto anche da un costato. Allo stesso modo, i muscoli, il grasso e il tessuto verranno rimossi, come pure l'uretere e i vasi sanguigni, al fine di arrivare a rimuovere il rene. Oltre al grasso, a volte è necessario rimuovere la ghiandola surrenale e alcuni linfonodi. L'intervento chirurgico sarà poi chiuso con punti o graffe.
  3. Chirurgia laparoscopica del rene: in questa procedura il chirurgo pratica tre o quattro piccoli tagli (non superiori a 2,5 cm) nell'addome e nel costato, che servono per l'uso di minuscole sonde e una telecamera da inserire per eseguire l'intervento. Il chirurgo ingrandirà in seguito uno dei tagli (fino a 10 cm) per estrarre il rene. Taglierà anche l'uretere, posizionerà una sacca intorno al rene e lo estrarrà attraverso l'incisione più grande. È una chirurgia che può essere più lunga della nefrectomia aperta, ma si ottiene una migliore ripresa, e con meno dolore.

Preparazione per la nefrectomia

Come con qualsiasi intervento chirurgico, occorrerà sempre informare il medico circa la possibilità di essere incinta e sui medicinali che si stanno assumendo. Nei giorni precedenti l'intervento chirurgico, il paziente sarà sottoposto a test di sangue in caso vi debba essere una trasfusione durante la procedura. Inoltre, lo specialista può chiedere di interrompere l'assunzione di acido acetilsalicilico, di alcuni tipi di antiinfiammatori e di alcuni anticoagulanti. Si consiglia di non fumare: ciò favorirà il recupero. Per il giorno dell'intervento, al paziente verrà richiesto di non mangiare o assumere nulla a partire dalla mezzanotte del giorno precedente. Occorrerà anche prendere i farmaci indicati dal medico.

Cura dopo l'intervento

Il paziente rimarrà in ospedale tra i due e i sette giorni dopo la procedura, a seconda del tipo di operazione. Durante l'ospedalizzazione:

  • Gli specialisti possono chiedere al paziente di sedersi sul bordo del letto e camminare nello stesso giorno dell'operazione.
  • Il paziente può avere una sonda o un catetere dalla vescica.
  • Si può avere un drenaggio dall'incisione della chirurgia.
  • Non potrà mangiare per i primi 3 giorni dopo l'intervento chirurgico, dopo di che potrà iniziare con l'assunzione di liquidi.
  • Gli specialisti consiglieranno al paziente di eseguire esercizi di respirazione.
  • Verranno somministrate iniezioni di anticoagulanti.
  • Si possono richiedere analgesici.

In generale, gli interventi aperti sono dolorosi. Il recupero dalla laparoscopia, d'altro canto, sarà più rapido e meno doloroso.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies