Il Lupus eritematoso sistemico: cos’è e come trattarlo

Autore: Prof. Francesco Puppo
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Il Lupus eritematoso sistemico è una malattia cronica che può ledere diversi organi e tessuti, interessando tutto il corpo. Causa la produzione di anticorpi che attaccano il nucleo delle cellule e altre componenti tissutali. Vi sono diversi modi per trattarlo: ne parla il Prof. Francesco Puppo, esperto in Allergologia e Immunologia a Genova

Che cos’è il Lupus eritematoso sistemico?

Il Lupus eritematoso sistemico (LES) è una patologia autoimmune sistemica che colpisce tra i 20 e i 50 individui ogni centomila abitanti; a essere interessato è soprattutto il genere femminile, e si manifesta soprattutto tra i 20 e i 40 anni. Si tratta di una malattia le cui cause sono solo parzialmente note.

Sembra che vi sia una predisposizione ereditaria per il Lupus, ma a questa si aggiungono fattori esterni quali raggi UVA, estrogeni, l’assunzione di determinati tipi di farmaci, etc. Queste diverse concause possono portare a uno squilibrio del sistema immunitario.

La conseguenza di questo scompenso è la sintesi di anticorpi che attaccano determinati componenti dell’organismo, per esempio quelli del nucleo cellulare. Ciò porta alla genesi di immunocomplessi che cominciano a circolare nell’organismo, per poi arrestarsi a livello dei piccoli vasi, dove si depositano causando un’infiammazione.

Qual è il decorso del Lupus eritematoso sistemico?

Le parti del corpo e gli apparati che possono essere colpiti dal Lupus eritematoso sistemico sono i seguenti:

  • La pelle;
  • Le articolazioni;
  • L’apparato muscolo-scheletrico;
  • Le cellule del sangue;
  • La coagulazione;
  • La pleura;
  • Il pericardio;
  • I reni;
  • Il sistema nervoso;
  • Il sistema cardiovascolare;
  • Il sistema respiratorio;
  • Nel caso di una paziente donna in età fertile, può causare disturbi nel concepimento o durante la gestazione.

Il decorso della malattia è cronico e invalidante; per tale motivo, e data l’età giovanile in cui si manifesta abitualmente, è fondamentale diagnosticarla quanto prima per combatterla fin dalle sue prime manifestazioni. La tempestività delle terapie può influenzare positivamente la qualità e l’aspettativa di vita dei malati.

Quali sono i sintomi del Lupus eritematoso sistemico?

Dati i numerosi organi che può coinvolgere, la patologia può presentare sintomi

molto diversi tra loro: viene infatti soprannominata “Il grande mimo”.

Le manifestazioni più comuni sono le seguenti:

  • Dolore alle articolazioni e ai muscoli;
  • Febbre;
  • Eruzioni cutanee, soprattutto sul volto;
  • Caduta anomala di capelli;
  • Sensibilità alla luce;
  • Ulcere in bocca;
  • Spossatezza e stanchezza;
  • Versamenti al pericardio e alla pleura;
  • Riduzione del numero di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine;
  • Trombosi.

Come viene diagnosticato il Lupus?

La diagnosi di Lupus va effettuata da un medico specialista in base ai sintomi e alla positività di alcuni esami di laboratorio (per esempio la ricerca degli anticorpi anti-nucleo/ANA, anti ds-DNA e altri).

Qual è la terapia più indicata per il Lupus eritematoso sistemico?

Il Lupus eritematoso sistemico viene spesso trattato con farmaci di diversa natura che riducono o modulano l’attività del sistema immunitario (corticosteroidi, antimalarici, immunosoppressori, biologici).

L’obiettivo del trattamento è quello di far regredire la malattia, ridurre la frequenza delle riacutizzazioni e tenere sotto controllo i sintomi nelle fasi croniche. La terapia corretta deve essere scelta a seconda degli organi colpiti e della gravità della malattia.

Il Lupus eritematoso sistemico, a causa della varietà delle sue manifestazioni, necessita di un approccio multidisciplinare. È dunque opportuno per i pazienti di affidarsi ad ambulatori polispecialistici, chiamati “Lupus Clinic”, in cui il personale medico possa assicurare un percorso di diagnosi e di trattamento ottimizzato.

Prof. Francesco Puppo
Allergologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies