Cellulite e carbossiterapia

Trattamenti efficaci per eliminare la cellulite: la carbossiterapia

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 08/08/2018
Editor: Top Doctors®

 

La carbossiterapia, nata in Francia agli inizi del ventesimo secolo, è una tecnica utilizzata per il trattamento di varie patologie legate al sistema circolatorio e risulta efficace nel contrastare la cellulite. Come? Ce ne parla il nostro esperto in chirurgia plastica ed estetica 

Cos’è la carbossiterapia?

La carbossiterapia consiste nell’iniezione di CO2 a pressione mediante la quale si ottiene un aumento di ossigeno nei tessuti interessati; questa tecnica non solo porta alla sintesi di collagene, ovvero all’incremento delle fibre elastiche che permette di combattere la flaccidità di alcune zone del corpo, ma l’iniezione di CO2 comporta anche l’eliminazione delle cellule grasse e, quindi, dei tessuti adiposi: il risultato finale è proprio la tonificazione della pelle.

 

Come si applica la carbossiterapia?

La carbossiterapia si applica mediante iniezione: tramite un sottile ago viene iniettato diossido di carbonio (CO2) nel tessuto epidermico ottenendo un effetto vasodilatatore che permette alla zona interessata di idratarsi e incrementare la sintesi di collagene. Contemporaneamente, a causa della pressione di CO2, si ottiene la distruzione delle cellule adipose e, perciò, un effetto snellente, specialmente nelle zone interessate da cellulite.

 

Quali inestetismi possono essere trattati con la carbossiterapia?

Gli utilizzi estetici della carbossiterapia a livello corporeo comprendono il trattamento della cellulite e delle zone flaccide poiché, come già accennato, viene stimolata la sintesi di collagene. A livello facciale è possibile ottenere un ottimo lifting al viso e, inoltre, tale trattamento permette di curare le striature in quanto vengono ripristinati i tessuti fibrosi.

 

Quante sedute sono necessarie per ottenere gli effetti desiderati?

Per quanto riguarda il corpo, sono necessarie circa 8-10 sessioni. Nel caso del viso, il numero di tali sessioni si riduce (circa 4) e vengono effettuate ad un mese di distanza l’una dall’altra.

 

È previsto un periodo di recupero dopo il trattamento?

Non è necessario alcun recupero. Ai pazienti che scelgono questo tipo di trattamento viene raccomandato di bere molta acqua durante il giorno successivo all’intervento e, nel caso di pazienti fumatori, di evitare il fumo per circa 2 ore.

 


Articolo redatto in collaborazione con il Dr. Marina Manchón Lladó, specialista in medicina estetica

 Redazione di Topdoctors

Redazione di Topdoctors
Chirurgia plastica e estetica


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies