Sepsi

Specializzazione di Medicina interna

Che cos’è la sepsi?

Si tratta di una malattia grave, che ha luogo quando il corpo risponde in modo incontrollabile a un’infezione batterica. Le sostanze liberate dal sangue per lottare contro l’infezione causano un’infiammazione generalizzata, che a sua volta porta alla formazione di coaguli di sangue e a filtrazione dai vasi sanguigni. Tutto questo rende il flusso sanguigno più scarso, privando gli organi di sostanze nutritive e ossigeno. Nei casi più gravi uno o vari organi possono smettere di funzionare, mentre nel caso peggiore la pressione arteriosa si riduce e il cuore viene danneggiato, portando a uno shock settico.

Prognosi della malattia

La sepsi è una malattia con un alto tasso di mortalità che sopraggiunge quando l’organismo risponde a un’infezione danneggiando i propri tessuti e organi. La prognosi dipende da quanto tempo trascorre prima di iniziare il trattamento adeguato. Se la malattia viene diagnosticata nelle prima fasi, è possibile trattarla con antibiotici. Tuttavia, se la diagnosi non è corretta e se non si esegue nessun tipo di trattamento può arrivare a essere fatale, dato che può peggiorare rapidamente fino a diventare una sepsi grave o uno shock settico.

Sintomi della sepsi

I sintomi più frequenti della sepsi sono febbre, aumento della frequenza cardiaca e della frequenza respiratoria, brividi, eruzioni cutanee, confusione e sensazione di disorientamento. La maggior parte di questi sintomi sono presenti anche in altre malattie, e proprio per questo la sepsi è una malattia difficile da diagnosticare, soprattutto all’inizio.

Diagnosi per la sepsi

A volte la diagnosi della sepsi è complicata, a causa del fatto che i suoi sintomi possono confondersi con disturbi di altro tipo. I medici possono fare affidamento a diversi test ed esami per ottenere una diagnosi più precisa.

Analisi del sangue: l’obiettivo è ottenere un campione di sangue per cercare

Altre analisi di laboratorio: in base ai sintomi di ciascun paziente lo specialista potrà richiedere i seguenti test per analizzare i liquidi corporei.

  • Urina
  • Secrezioni della ferita
  • Secrezioni respiratorie

Esami di diagnostica per immagini: se lo specialista non riesce a identificare l’ubicazione dell’infezione, può eseguire alcuni dei seguenti esami:

Quali sono le cause della sepsi?

Qualsiasi infezione (batterica, virale o fungina) può dar luogo a una sepsi. Le infezioni che hanno maggiore probabilità di farlo sono:

  • Polmonite
  • Infezione addominale
  • Infezione renale
  • Infezione del flusso sanguigno (batteriemia)

A livello geografico, i focolai di sepsi sono in aumento negli Stati Uniti, ciò può essere dovuto a:

  • Invecchiamento della popolazione
  • Batteri resistenti ai farmaci
  • Sistema immunitario debilitato

Si può prevenire?

I principali consigli che può dare uno specialista sono di mantenere il sistema immunitario in salute e di trattare le infezioni tempestivamente. Se il sistema immunitario è indebolito, può risentire dell’attacco di diversi patogeni o di patogeni particolarmente gravi. Se la sepsi riesce ad arrivare alla cavità addominale, ai polmoni o al cervello, può estendersi ad altri organi.

Trattamento per la sepsi

Un trattamento tempestivo e aggressivo contro l’infezione aumenta le possibilità di sopravvivere alla sepsi. Le persone colpite da questa malattia necessitano di una sorveglianza e un trattamento personalizzati all’interno dell’unità di terapia intensiva. Se il paziente è affetto da setticemia grave o shock settico è necessario adottare misure per salvargli la vita e stabilizzare la respirazione e la funzionalità del cuore. Si può ricorrere ai seguenti trattamenti:

  • Farmaci.
  • Antibiotici.
  • Vasopressori.
  • Cure mediche di sostegno.
  • Chirurgia

A quale specialista rivolgersi?

Il medico incaricato di trattare la sepsi è lo specialista in terapia intensiva.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies