Cyberknife: quali sono i vantaggi?

Autore: Dott. Antonio Pontoriero
Pubblicato:
Editor: Antonietta Rizzotti

Il Sistema Cyberknife è un device utilizzato in Radioterapia dedicato ai trattamenti Radiochirurgici. Sfrutta la tecnologia Robotica per eseguire dei trattamenti altamente conformati alle lesioni riuscendo a minimizzare le alte dosi ai tessuti sani. Ne parla il Dott. Antonio Pontoriero, esperto in Radioterapia a Messina

Che cosa è il CyberKnife e perché si esegue?

Nato all’inizio degli anni 2000 esclusivamente per i trattamenti intracranici, nel tempo si è evoluto consentendo di applicareMedico e paziente la Radiochirurgia Robotica a tutti i distretti corporei. I pazienti vengono indirizzati ad eseguire questa procedura poiché i sistemi IGRT annessi consentono di monitorare e correggere la posizione del paziente offrendo il minimo margine di errore e quindi la possibilità di erogare alte dosi con intento ablativo. Fino a qualche anno addietro le dimensioni delle lesioni (oltre i 4-5 cm) limitavano l’accesso a questa metodica a numerosi pazienti. L’evoluzione tecnologica degli ultimi anni con il Sistema Cyberknife S7, con l’introduzione di una testata microlamellare, oltre ad aver ridotto i tempi di trattamento, ha consentito di trattare lesioni di maggiore diametro.

Su quali tumori è efficace il Cyberknife?

La patologia di elezione per essere trattata con il Cyberknife la distinguiamo in: Patologia Cerebrale, Spinale, Extracranica e Funzionale. In quella Cerebrale rientrano i meningiomi, i neurinomi, i cordomi, i paragangliomi, le metastasi cerebrali, il ritrattamento di neoplasie cerebrali, i tumori dei nervi ottici. In quella Extracranica rientrano: i ritrattamenti delle neoplasie della sfera ORL, le neoplasie polmonari, quelle epatiche, quella pancreatica e quella prostatica. Nella Patologia Spinale rientrano: i meningiomi, i neurinomi, gli angiomi maligni e le metastasi spinali. Nella Patologia Funzionale: le malformazioni vascolari e la nevralgia trigeminale. I ritrattamenti dopo una precedente terapia sono spesso eseguiti grazie ai minimi margini di errore e l’alta conformità di dose.

Quali sono i vantaggi della CyberKnife rispetto alla radioterapia convenzionale?

Il vantaggio di usare la tecnologia Cyberknife si percepisce in tutte quelle patologie che richiedono un trattamento altamente conformale per la vicinanza a strutture critiche (vie ottiche, vasi, tronco encefalico, midollo spinale, ecc.). L’assoluta precisione del sistema e la continua correzione spaziale della lesione e del paziente consentono di erogare dosi ablative con assoluto risparmio agli organi critici.

Il Cyberknife presenta dei vantaggi rispetto il Gammaknife?

Il principale vantaggio rispetto al Gammaknife è rappresentato dalla possibilità di trattare lesioni volumetricamente più grandi. Per le lesioni cerebrali il limite del GK spesso è rappresentato da quelle lesioni profonde in fossa cranica posteriore. Il GK non tratta le lesioni extracraniche.

Esistono effetti collaterali?

La terapia si completa con la singola seduta (SRS) o al massimo 2-5 sedute (FSRT e SBRT) ed è assolutamente ben tollerata dal paziente. Spesso, per le alte dosi somministrate, si pratica terapia corticosteroidea ed antiemetica. Gli effetti collaterali sono assolutamente minimizzati grazie alla personalizzazione dei trattamenti e alle alte capacità conformazionali del sistema. I pazienti non hanno necessità di ospedalizzazione e possono condurre una vita regolare durante l’intero trattamento. Il sistema risulta minimamente invasivo e assolutamente ben tollerato.

Dott. Antonio Pontoriero
Radioterapia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente