Dolore da cancro

Cos’è il dolore oncologico?

Il dolore oncologico può avere diverse cause, e ne esistono svariati tipi. Può essere sordo, acuto o dare una sensazione di bruciore; vi sono anche livelli diversi, può infatti essere costante, intermittente, lieve, moderato o intenso. Il livello di dolore percepito dipende dal tipo di cancro, dal suo stadio, dalla sua localizzazione e dalla soglia del dolore della singola persona. Il dolore oncologico può essere acuto o cronico:

  • Dolore oncologico acuto è legato a un danno causato da una ferita, ad esempio dopo un intervento chirurgico, e non dura molto. Il dolore cala a mano a mano che la ferita guarisce.
  • Dolore cronico oncologico – è causato da cambiamenti nei nervi. È possibile che il cancro prema sui nervi, o che il tumore produca sostanze chimiche. Il dolore cronico continua a lungo dopo la guarigione della ferita o la fine del trattamento, e può essere piuttosto intenso e non cessare mai.

Quali tipi di dolore oncologico esistono?

Ogni tipo di dolore oncologico richiede un trattamento differente. Le varie tipologie includono:

  • Dolore ai nervi: causato da una pressione sui nervi del midollo spinale. Viene descritto come un dolore bruciante e lancinante unito a una sensazione di formicolio. Può sopraggiungere dopo un intervento chirurgico, dato che i nervi sono stati tagliati e ci mettono del tempo a guarire.
  • Dolore alle ossa: il cancro si è diffuso all’interno delle ossa e ne danneggia i tessuti. Può essere percepito come pungente, sordo o pulsante.
  • Dolore ai tessuti molli : viene da un organo o muscolo, ad esempio un danno ai tessuti di un rene dà dolore alla schiena.
  • Dolore fantasma: è un dolore in una parte del corpo che è stata rimossa che viene descritto come insopportabile. Ad esempio, dopo una mastectomia il paziente può comunque sentire dolore al seno.
  • Dolore riferito: a volte un problema a un organo può dare dolore in un’altra parte del corpo.

Quali sono le cause del dolore oncologico?

Se il dolore viene dal cancro, può essere che quest’ultimo stia crescendo all’interno dei tessuti o li stia distruggendo. Il tumore in crescita preme su nervi, ossa o organi. Un’altra causa può essere il rilascio di sostanze chimiche da parte del cancro.

Trattamenti per il dolore oncologico

Il dolore oncologico viene trattato rimuovendo l’origine del dolore tramite intervento chirurgico, chemioterapia o radioterapia. Anche i farmaci per il dolore, come gli antidolorifici da banco o i più forti farmaci oppioidi (come morfina e metadone) possono alleviare il dolore.

Quali sono gli effetti collaterali del trattamento del dolore oncologico?

Ogni tipologia di trattamento ha effetti collaterali:

  • Chirurgia: il dolore post chirurgico è legato ai danni ai nervi avvenuti durante l’intervento.
  • Radioterapia, può causare una sensazione di bruciore alla pelle; altri effetti collaterali includono diarrea, infiammazioni del cavo orale e affaticamento.
  • Chemioterapia: i pazienti possono lamentare nausea, affaticamento, infezioni, perdita di capelli e dolore ai nervi.
  • Antidolorifici forti: uno dei più comuni effetti collaterali degli oppioidi è la costipazione.
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies