Dolore facciale: cos’è e come curarlo

Autore: Dott. Claudio Dell'Anna
Pubblicato:
Editor: Marta Buonomano

Cos’è il dolore facciale e da cosa è provocato? Risponde il Dott. Claudio Dell’Anna, specialista in Neurologia a Roma ed esperto in Dolore

Cosa s’intende per dolore facciale?

Questa categoria di disturbi comprende una gamma molto ampia di condizioni: si va da forme morbose ben codificate (come la Nevralgia del Trigemino) ad altre tanto variamente caratterizzate da non trovare facile collocazione nella classificazione delle malattie (come nel caso del Dolore Facciale Atipico). Tra questi due estremi si colloca una grande varietà di forme morbose con una spiccata diversità anche dal punto di vista sintomatico.

Cause del dolore facciale

Le cause che possono determinare il dolore facciale sono numerose e diverse: 

  • Esiti di traumi meccanici, di interventi odontoiatrici e maxillofacciali
  • Esiti di chirurgia plastica e ricostruttiva
  • Eventi infettivo-infiammatori pregressi o in atto (otiti, sinusiti, mastoiditi, parodontite)
  • Disfunzioni dell’Articolazione Temporo-Mandibolare (ATM)
  • Disturbi del tono dei muscoli facciali e masticatori
  • Localizzazione facciale di malattie reumatiche

Diagnosi del dolore facciale

Alla diagnosi delle forme ben codificate si perviene attraverso protocolli di indagine disponibili da tempo. Per tutte le altre forme spesso è necessaria una meticolosa “ricerca focale” per identificare la causa o, più spesso, le cause che le sostengono. Infatti non si tiene mai conto abbastanza del fatto che quello nervoso è un sistema computistico e che tra le prime operazioni che compie c’è l’addizione: questo vuol dire che un dolore facciale può provenire non solo (ad esempio) da un dente mal devitalizzato ma anche da segnali nervosi scaturiti da un seno mascellare infiammato. In questo caso il sistema nervoso fa convergere segnali irritativi da due diverse sorgenti (anche tra loro distanti) sommandone gli effetti col risultato della realizzazione del quadro clinico. 

Come curare il dolore facciale

In queste circostanze i fenomeni di “sensitizzazione” dei neuroni e le dinamiche a “circolo vizioso” di interazione neuro-immunologica descritti in Dolore Cronico spiegano come queste malattie si costituiscono e, non appena ne sia accertato il carattere della cronicità, giustificano la scelta delle metodiche di Neuromodulazione e di Neuralterapia con anestetici locali come strumenti terapeutici di eccellenza dato che possono condurre alla completa guarigione. Ovviamente quando sia necessario si deve procedere anche alla bonifica del cavo orale da parte dello specialista Odontoiatra o dei seni frontali e mascellari da parte dello specialista Otorinolaringoiatra.

 

Editor: Marta Buonomano

Dott. Claudio Dell'Anna
Neurologia

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies