Cellule staminali mesenchimali

Che cosa sono le cellule staminali mesenchimali?

Le cellule staminali sono quelle che originano tutte le cellule del corpo, rigenerano e riparano i tessuti danneggiati. Quando le persone sono in fase di sviluppo, una piccola parte delle cellule staminali rimane in diversi tessuti per quando si verifichi la necessità. Le cellule staminali adulte o cellule staminali mesenchimali sono presenti nel midollo osseo, nei reni, nel cuore, nel tessuto adiposo, ecc.

Perché si esegue?

Le cellule staminali mesenchimali hanno molti vantaggi, in quanto sono facilmente isolate e mantengono la loro capacità di espandersi senza perdere le loro facoltà. Inoltre, hanno proprietà immunomodulanti, cioè regolano il sistema immunitario aumentando o diminuendo gli anticorpi. Viene eseguito come trattamento per patologie come l'artrite, l'artrosi, la rigenerazione dei tessuti ecc.

In cosa consiste?

La prima cosa è ottenere il liquido, in cui sono presenti le cellule staminali, dal midollo osseo o dall'area definita. Il prelievo viene inviato ad un laboratorio che lo coltiva per 3 settimane e segue un processo di selezione per espandere quelle cellule e generare 40 milioni di cellule staminali che verranno trasferite al paziente. Una volta iniettato nel paziente, vengono aggiunti anche i plasma ricchi di piastrine e fattori di crescita dell'articolazione da trattare. In questo modo viene stimolata la rigenerazione dell'articolazione e del sistema muscoloscheletrico.

Preparazione per le cellule staminali mesenchimali

Innanzitutto, è necessario ottenere le cellule staminali. Per questo, il paziente deve rimanere a digiuno durante le 6 ore prima dell'intervento. Il trattamento dura 25 minuti e viene eseguito con anestesia locale. Una volta dimesso, si consiglia un riposo di 24 ore.

La seconda parte del trattamento consiste nell'iniezione del trattamento. Ancora una volta, il paziente deve rimanere a digiuno per 6 ore prima dell'operazione. Dopo la preparazione antisettica, si inietta il trattamento al paziente e, se non ci sono problemi, può essere dimesso.

Recupero postintervento

Si consiglia un riposo assoluto durante le 48 ore dal trattamento e un riposo relativo per una settimana. Nelle settimane successive, lo specialista in Ortopedia e Traumatologia vedrà l'evoluzione del paziente e saranno indicate le linee guida per la riabilitazione.

Lo specialista indicherà i controlli da eseguire de il tempo di riposo che, in ogni caso, sarà diverso.

Trattamenti alternativi

I tessuti articolari (cartilagine) hanno una capacità molto limitata di autoriparazione, che accelera la progressiva evoluzione dell'osteoartrosi, essendo il trattamento di questa malattia una grande sfida per la medicina attuale. Ciò ha portato a sostituire i trattamenti palliativi con metodi di ricostruzione o rigenerazione, nel tentativo di evitare o ritardare la sostituzione dell'articolazione con una protesi. I trattamenti con cellule progenitrici (cellule staminali adulte) sono stati ampiamente utilizzati in Ortopedia negli ultimi anni per trattare varie malattie. L'uso della terapia cellulare (Trapianto Autologo di Cellule del Midollo Osseo) per ottenere la rigenerazione articolare derivata dall'osteoartrite, è una potente arma terapeutica che sta modificando l'approccio al trattamento di detta patologia, attraverso il quale si ottengono risultati promettenti. Le cellule progenitrici sono le uniche con la capacità di rigenerare strutture e tessuti danneggiati, quindi il loro uso è ottimale per il trattamento di questa malattia degenerativa. Il trattamento può essere eseguito su varie articolazioni, essendo il ginocchio e l'anca più frequenti. Si esegue con artroscopia e mediante un singolo intervento.

Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies