Protesi anca

Creato: 2024-04-13

Cos’è la protesi d’anca?

La protesi d’anca è una tecnica di chirurgia avanzata che consiste nella sostituzione dell’anca degenerata con un’articolazione artificiale.
Per l’intervento si utilizza l’anestesia totale o la rachianestesia (al di sotto della schiena). Per il ricambio delle protesi si preferisce l’anestesia totale, ammesso che si tratti di interventi più lunghi e laboriosi.
Esistono diversi tipi di protesi dell’anca in funzione di come viene realizzata la sostituzione delle ossa colpite:

  • protesi totale dell’anca;
  • protesi parziale dell’anca;
  • protesi di revisione;
  • protesi di risuperficializzazione (o resurfacing).

Perché si esegue?

Le protesi dell’anca vengono utilizzate per alleviare il dolore e per restituire al paziente la funzione di un’anca che non risponde bene al trattamento conservativo (riposo, riabilitazione, antinfiammatori…).

La sostituzione dell’anca con una protesi è indicata nei casi di artrosi dell’anca, artrite reumatoide o frattura dell’anca.

In cosa consiste?

Le protesi si utilizzano per restituire e ripristinare la funzione dell’area colpita; è per questo che esse sono dotate di diverse componenti.
Le caratteristiche dei materiali impiegati in questo tipo di protesi permettono una mobilità simile a quella dell’articolazione umana. Per la fabbricazione di questi impianti vengono impiegati diversi metalli, come acciaio inossidabile, leghe di cobalto, cromo e titanio; plastica, generalmente polietilene, un materiale molto duraturo e resistente al logoramento provocato dall’attrito.

Preparazione per l’impianto di una protesi d’anca

Prima dell’intervento di impianto di protesi d’anca viene condotto uno studio preoperatorio che comprende:

Tuttavia, possono essere necessari ulteriori esami (esami di ventilazione polmonare, ecocardiogramma o prove allergiche).

Cure postintervento

Dopo l’intervento, i pazienti devono portare le stampelle per tutto il mese successivo.
Durante il post-operatorio è importante che il paziente segua una serie di istruzioni in casa:

  • lavare la ferita dell’intervento e applicare una crema idratante con un leggero massaggio, due volte al giorno;
  • mantenere la gamba sollevata, sempre che sia possibile;
  • sedersi su sedie alte con poggia braccia o su divani rigidi;
  • utilizzare scarpe comode e chiuse che tengano ben fermo il piede;
  • evitare l’eccesso di peso, perché è negativo per il recupero.
  • mantenere una dieta equilibrata, ricca di ferro e fibra, accompagnata da molti liquidi;
  • prestare speciale attenzione agli elementi presenti in casa: rimuovere tappeti, cavi o mobilio che possano provocare cadute e fare molta attenzione al pavimento bagnato.

Oltre a ciò, si consiglia al paziente di dormire supino, con un cuscino tra le gambe, e di non girarsi da un lato. Quando si deve andare al bagno si consiglia di porre un rialzo sul wc di circa 10-15 cm, per evitare la flessione eccessiva dell’articolazione.