Laparotomia

Specializzazione di Ginecologia e Ostetricia

Che cos’è la laparotomia?

La laparotomia o esplorazione chirurgica dell’addome è un intervento che mira ad esplorare gli organi e le strutture del basso ventre, come l’appendice, gli intestini, i reni, il fegato, il pancreas, la cistifellea, la vescica, l’utero, ecc. Viene effettuata sotto anestesia totale e può essere semplicemente esplorativa o, se necessario, includere un procedimento chirurgico, come accade, per esempio, nei casi di ostruzione intestinale.

In cosa consiste?

Il chirurgo generale e gastroenterologo pratica un’incisione nell’addome, a partire dalla quale osserva gli organi. Se necessario, si può estrarre un campione di tessuto (biopsia) per poi analizzarlo in laboratorio, soprattutto nei casi in cui si sospetta un cancro. In seguito, il chirurgo si servirà della sutura o dell’aggraffatura per richiudere l’incisione. La laparotomia viene eseguita in sala operatoria e sotto anestesia totale

Perché viene eseguita?

La laparotomia esplorativa è consigliata quando non si è riusciti ad ottenere una diagnosi precisa mediante esami clinici come radiografie e tomografie computerizzate. Essa è utile per diagnosticare e trattare patologie come:

Preparazione alla laparotomia

Prima dell’intervento, lo specialista esaminerà la cartella clinica del paziente e lo informerà circa i farmaci che non potrà assumere. Egli consiglierà anche esami diagnostici per valutare se il paziente sia in grado di sottoporsi a un intervento sotto anestesia. Potrebbe darsi che il paziente debba seguire una dieta speciale ricca di fibre e liquidi e assumere anche dei lassativi per svuotare l’intestino prima dell’intervento. Ciò riduce il rischio di infezione intestinale dopo l’operazione.

Cosa si sente durante l’esame?

L’intervento è indolore per il paziente poiché viene eseguito sotto anestesia generale. Dopo l’intervento, il paziente dovrà rimanere ricoverato per alcuni giorni, durante i quali i medici osserveranno il decorso dell’intervento per scongiurare il rischio di infezioni, coaguli di sangue, problemi respiratori o intestinali. Il rischio che si formino coaguli dovrà essere controllato, poiché questi potrebbero disperdersi e provocare un accidente vascolare mortale, come un infarto o un ictus.

Progressi nella laparotomia

L’alternativa e il progresso principali nell’ambito della laparotomia è la laparoscopia, che è una tecnica meno invasiva che permette allo specialista di osservare l’area interessata, mediante un sistema dotato di telecamera e illuminazione. La laparoscopia risulta essere più sicura e comporta meno rischi di sanguinamento e complicazioni, così come meno ricoveri e un post-operatorio più breve e meno doloroso per il paziente. Inoltre, le cicatrici risultanti dalla laparotomia sono notevolmente più grandi e visibili. Per tale ragione, ammesso che sia possibile, si ricorre, di solito, alla laparoscopia al posto della laparotomia.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies