Medicina intensiva

Specializzazione di Cardiochirurgia

Che cos’è la Medicina intensiva?

La Medicina intensiva è la disciplina medica che si occupa di fornire cure vitali a quei pazienti che presentano alterazioni fisiopatologiche, tanto gravi da costituire una minaccia per la loro vita e per le quali il recupero è molto difficile.

Che patologie tratta?

Il medico specializzato in medicina intensiva tratta qualsiasi malattia che può arrivare a un livello di gravità tale da costituire una minaccia per la vita del paziente. Essa può colpire qualsiasi apparato o sistema dell’organismo:

  • Apparato respiratorio: edema polmonare, sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), insufficienza respiratoria ipercapnia, asma grave, alterazioni muscolari, soffocamento, inalazione di gas.
  • Apparato Circolatorio: cardiopatia coronarica, malattie cerebrovascolari, arteriopatie periferiche, cardiopatia reumatica, cardiopatie congenite, trombosi venose profonde, embolie polmonari, attacchi di cuore e accidenti vascolari cerebrali (AVC).
  • Sistema nervoso: coma, ipertensione intracranica, Sindrome di Guillain-Barré, polineuropatia, miastenia e altre miopatie.
  • Apparato genitourinario: insufficienza renale (acuta e cronica).
  • Sistema endocrino e nutrizione: malattie critiche metaboliche, endocrinologiche e alterazioni della termoregolazione, malattie endocrinologiche gravi (chetoacidosi diabetica, coma iperosmolare, crisi tireotossica, coma mixedematoso, insufficienza surrenale o feocromocitoma).
  • Ematologia: disturbi di coagulazione ed emostasi, anemia, neutropenia e immunodepressione.
  • Apparato digerente: addome acuto, emorragia gastrointestinale acuta alta e bassa, ulcera da stress, ingestione di composti caustici, ischemia mesenterica, pancreatite acuta grave, insufficienza epatica acuta.
  • Malattie infettive: infezione nosocomiale, sepsi, pneumonia, sepsi da catetere, endocardite, peritonite, meningite, fascite necrotizzante, tetano.
  • Traumatologia: trauma grave (cranioencefalico, spinale, toracico, addominale, ortopedico), shock emorragico, bruciature gravi, soffocamenti.
  • Intossicazioni: anafilassi
  • Trapianti: morte cerebrale
  • Ostetricia: pre-clampsia ed eclampsia, sindrome HELLP, Embolismo amniotico, emorragia ostetrica, sindrome di iper-stimolazione ovarica, cardiomiopatia peripartum.

Quali sono le sub-specializzazioni della Medicina intensiva?

La medicina intensiva si esegue generalmente nell’Unita di terapia intensiva (UTIC) o Unità di sorveglianza intensiva (UVI) del centro. Tuttavia, molti ospedali dispongono di unità di terapia intensiva più specializzate:

  • Unità di Terapie Coronariche.
  • Unità di Terapie Mediche Intensive.
  • Unità di Terapie Chirurgiche Intensive.
  • Unità di Terapie Pediatriche Intensive.
  • Unità di Terapia Neurologiche Intensive.
  • Unità di Terapia Neonatali Intensive.
  • Unità di Rianimazione Intensiva.

Quando è necessario consultare un intensivista?

Il paziente non si reca da un medico intensivista volontariamente, ma solo perché il medico di base o di un’altra disciplina lo ha indirizzato lì, quando i sintomi indicano che la sua vita è in pericolo.

loading...
Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies